mercoledì 17 ottobre 2018

Al “Nido dell’Aquila 2018” avvincenti “motivi” tricolori


Manca poco per ammirare la penultima sfida del Campionato Italiano Rally Terra, la cui classifica alla vigilia è “corta” ed incerta e sulle strade umbre potrebbe avere sussulti importanti.
Sarà battaglia vera, con diversi interessanti giovani, tutti “armati” con un solo esemplare di vettura, la Skoda Fabia R5.

Nocera Umbra (PG), 17 ottobre 2018 -  Il Campionato Italiano Rally Terra, il 27 e 28 ottobre tornerà a  fare tappa in Umbria, per una nuova ed avvincente edizione de “il Nido dell’Aquila”, cui verrà affiancato il settore Off Road con la quinta e penultima prova del Campionato Italiano Cross Country.
Nel pieno del periodo delle iscrizioni (sino a dopodomani, 19 ottobre), la gara organizzata a Nocera Umbra (Perugia) da PRS Group, insieme al Comune di Nocera Umbra ed a Radio Subasio è pronta a  proporre nuovi argomenti per la serie tricolore riservata agli specialisti delle strade bianche.
Dopo quattro appuntamenti, gli ultimi due a coefficiente 1,5 dato dalla validità del Campionato Italiano Rally assoluto (“San Marino” e “Adriatico”), la classifica prima di questa quinta tappa stagionale è in mano al padovano Niccolò Marchioro (Skoda Fabia R5), ma il dato che balza all’occhio prima di tutti è che i posti al sole della classifica assoluta sono occupati da un solo tipo di vettura, la Skoda Fabia R5.


Giovane e forte, Marchioro, specialista delle gare sterrate nelle quali si è impegnato sino dalle prime esperienze agonistiche, anche figlio d’arte, ben guidato dall’esperto Marco Marchetti ha vinto di forza l’ultima prova di Cingoli ed adesso, a 53 punti veleggia al comando con otto punti di vantaggio sull’altro esperto sammarinese Daniele Ceccoli (45 punti), il Campione 2016, anche lui con una Skoda Fabia R5, sulla quale è affiancato da un altro esperto copilota, il piemontese Capolongo. Terzo nella classifica provvisoria è il già tre volte Campione della terra italiana Mauro Trentin. Il pilota trevigiano, con Alice De Marco alle note sull’ennesima Skoda Fabia R5, ha 43 punti, quindi due sole lunghezze da Ceccoli, avendo però una gara in meno disputata.
Fuori dal podio provvisorio vi è l’altro veneto, giovane di belle speranze pure lui, Giacomo Costenaro, affiancato da Bardini (Skoda Fabia R5), con 32,25 punti, appaiato allo svizzero Federico Della Casa, navigato da Domenico Pozzi (Skoda Fabia R5).
Negli sterrati intorno a Nocera Umbra si aspettano anche altri specialisti, in grado di dare uno scossone alla classifica, da Alessandro Taddei al bresciano Luigi Ricci, dall’esperto Giovanni Manfrinato a Tullio Versace, capaci tutti di grandi performance, mentre tra le due ruote motrici, è atteso ad una conferma delle grandi doti fatte vedere sinora il sardo Michele Liceri, unico con una vettura non a trazione integrale (una Peugeot 208 R2), a comparire nelle parti alte della classifica assoluta provvisoria.


PROGRAMMA DI GARA

Giovedì 27 Settembre      
Apertura iscrizioni

Venerdì 19 Ottobre           
Chiusura iscrizioni

Venerdì 26 Ottobre
09,00/10,30 Distribuzione Road-Book presso Ex Scuola Media,
loc. San Felicissimo-Nocera Umbra (Pg)

10,30/18,00 Ricognizioni

Sabato 27 Ottobre
09,00/12,00 Verifiche Sportive presso Ex Scuola Media,
loc. San Felicissimo - Nocera Umbra (Pg)

09,30/12,30 Verifiche Tecniche presso Parco Assistenza,
loc. San Felicissimo - Nocera Umbra (Pg)

14,00/17,00 Shakedown obbligatorio per i piloti Prioritari e per le vetture
delle classi R5 e Super 2000

19,01 Cerimonia di partenza con ingresso in Riordino Notturno

Domenica 28 Ottobre
07,01 Uscita Riordino notturno

17,00 Arrivo con Premiazione in Piazza Umberto I – Nocera Umbra


FOTO ALLEGATA: MARCHIORO-MARCHETTI, i capoclassifica (foto Bettiol)



#rally   #cirt  #Umbria  #NoceraUmbra  #CrossCountryRally



UFFICIO STAMPA

Il Rally Valtiberina cresce e “vede” le crete senesi


Percorso rivoluzionato, per la gara organizzata da Valtiberina Motorsport, che ad Arezzo e Valtiberina aggiungerà gli incantevoli scenari della provincia di Siena e con essi anche prove speciali da sogno.

Data fissata per il 15-16 -17 marzo 2019.


17 ottobre 2018 – La notizia, sino ad oggi non scritta, è stata una di quelle che ha fatto  . . .  “notizia”. Il mondo dei rallies nazionali, gli appassionati cultori dell’essenza delle corse su strada, quindi dello sterrato, hanno già espresso il loro ampio consenso. E con essi anche gli addetti ai lavori.

Soltanto a comunicare a voce che il Rally Valtiberina numero 13 del 15-16-17 marzo 2019, dalla provincia di Arezzo e dalle sue bellissime “piesse” – con Anghiari e Pieve Santo Stefano – andrà a raggiungere la provincia di Siena, nel territorio di Asciano, si è scatenata una vera e propria “ola”, una messe di ampi consensi da parte di appassionati, piloti ed addetti ai lavori.

Tutto questo si chiamerà 13° Rally Citta di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina e 2' Rally Storico Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina. Rimarrà la base la logistica generale ad Arezzo, con confermati l’appoggio ed il coinvolgimento di Anghiari e Pieve Santo Stefano, rimarranno anche per le prove speciali che hanno reso famosa la gara a livello internazionale,  ma si allargano appunto gli orizzonti andando a ripercorrere prove speciali storiche anche esse dal “profumo  mondiale” con il coinvolgimento di Asciano e le Crete Senesi, che saranno parte importante della manifestazione, tornando sulla scena rallistica di primo piano dopo ben venti anni di assenza.


Il territorio di Asciano infatti sarà coinvolto con la disputa di due bellissimi tratti cronometrati che hanno fatto la storia dei Rallies iridati degli anni ottanta e novanta. La città, inoltre, sarà sede di un parco pre partenza e di lungo riordino in cui si potrà godere, nel centro cittadino, la visione delle vetture da corsa per più fasi dell'evento. Vi sarà allestito anche il “remote service”, sempre nei pressi del centro così da coinvolgere in pieno per una giornata di gara la bellissima città delle crete senesi, che peraltro comunque dalla base principale del rally di Arezzo dista meno di 50 chilometri.

Con il territorio è stato avviato un ampio progetto di collaborazione che guarda al futuro, con un forte coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale di Asciano. Ne parla, di questo, il primo cittadino, Paolo Bonari: “Una grande opportunità per Asciano che dopo venti anni torna ad ospitare un rally di altissimo livello. È bastato far trapelare la notizia per far partire il tam-tam tra centinaia di appassionati. Sono convinto che sarà un grande successo di pubblico.
Il primo grande evento ospitato dal Crete Senesi Life Park, nato da poco per volontà del Comune, per creare sviluppo economico attraverso l’impiego delle nostre meravigliose strade bianche”.

Saranno anche le sempre affascinanti vetture storiche, a caratterizzare l’edizione duemiladiciannove del “Valtiberina”. Vetture che già viste le novità anche della partenza delle stesse in testa alla manifestazione, si annunciano già in gran numero al via con i loro appassionati interpreti, affiancati alle spettacolari “moderne” della gara a partecipazione Internazionale del Challenge Raceday Rally Terra che il prossimo marzo sarà nel vivo del confronto.

A conferma che le “storiche” avranno il loro grande momento “di gloria”, Valtiberina Motorsport conferma che verranno organizzate iniziative a loro dedicate che dureranno per l'intera manifestazione e che permetteranno ai possessori di tali vetture di partecipare a 360 gradi nell’Evento.


VALTIBERINA MOTORSPORT
Contatti: 333.2502201 - 366.6828301

Pagine Facebook Ufficiali: @RallyValtiberina - @vtbmotorsport



#RallyCittàdiArezzoCreteSenesiValtiberina2019 #Rally #RacedayRallyTerra
#crete  #Asciano  #Anghiari  #PieveSantoStefano  #motorsport  #Siena


Tobia Cavallini torna al volante: ecco il “Trofeo Maremma”



Il pilota di Cerreto Guidi tornato sulla Skoda R5 al recente “Pistoia”, sfociato con un secondo posto assoluto, torna di nuovo nella mischia del Campionato regionale, affiancato da Sauro Farnocchia con la stessa vettura della PA Racing, gommata Pirelli.


17 ottobre 2018 –

E’ un Tobia Cavallini assai motivato, carico e con lo spirito giusto, quello che andrà ad affrontare nel fine settimana che sta arrivando, l’attesissimo 42° Trofeo Maremma, a Follonica (Grosseto), ultimo atto dell’avvincente Campionato Regionale Toscano Aci Sport di Rally.

Molto motivato, dopo l’esaltante secondo posto assoluto ottenuto due settimane fa al Rally Città di Pistoia, dove è tornato alla guida della Skoda Fabia R5, nello specifico l’esemplare della PA Racing gommato Pirelli.  Con la stessa vettura, e con al fianco Sauro Farnocchia, il portacolori della Jolly Racing Team, ha il preciso obiettivo di dare continuità alle prestazioni e soprattutto alle sensazioni in una gara che conoscerà per la prima volta e che potrà preparare “di corsa” in quanto pressato da impegni professionali.


Ma ci vuole essere, per terminare la stagione del Campionato Regionale al meglio possibile, dopo la vittoria del “Valdinievole” di maggio scorso e, appunto, “l’argento” di Pistoia, magari sopra il podio assoluto.
 “Sono felicissimo di poter risalire sulla Skoda R5 dopo 2 settimane – commenta Cavallini - questo mi permetterà capitalizzare i chilometri fatti a Pistoia e di potermi esprimere fin da subito ad un buon ritmo pur disputando la gara per la prima volta. Anche qui credo che troveremo una concorrenza agguerrita e di qualità, sia tra i piloti locali che tra i pretendenti al Campionato Regionale. Per quanto ci riguarda cercheremo di dare il massimo cercando di divertirci con questa fantastica auto.”
La partenza del 42. Trofeo Maremma sarà alle ore 18,45 si sabato 20 ottobre, dopo la disputa della prova spettacolo i concorrenti entreranno al riordinamento notturno dalle ore 20,35. Ne usciranno l’indomani, domenica 21 ottobre dalle ore 07,31, per terminare la gara alle 17,43. Nove, in totale, gli impegni cronometrati, per un complessivo di sfide di 82,800 chilometri a fronte dei 402,900 dell’intero tracciato.

 #Rally  #TrofeoMaremma  #Follonica #TobiaCavallini  #CavalliniFarnocchia #SkodaFabiaR5


UFFICIO STAMPA

martedì 16 ottobre 2018

Finale tricolore X Race Sport: Antonio Rusce quinto nella classifica “asfalto”


L’ultima prova tricolore della stagione non ha fatto chiudere la stagione con il sorriso, al pilota reggiano, rallentato nel finale dalla rottura dell’idroguida, danneggiata da una pietra.

Verona ha giocato un brutto scherzo anche a Dalmazzini, ritirato per incidente.

XRACE SPORT ha concluso la propria avventura nel Campionato Italiano Rally, lo scorso fine settimana nel contesto del 36. Rally “Due Valli”, a Verona. Il finale di stagione tricolore non è stato di quelli auspicati, pur se é arrivata la soddisfazione di un risultato finale di vertice per Antonio Rusce/Sauro Farnocchia,

Alla loro seconda esperienza a bordo della Skoda Fabia R5 firmata HK Racing, hanno dovuto alzare bandiera bianca nel corso della decima prova speciale quando occupavano la settima posizione assoluta, pronti quindi a confermarsi ai vertici anche della classifica di campionato “asfalto”. Il problema è sorto per la “toccata” dura contro una pietra trovata in traiettoria, che ha danneggiato l’idroguida, relegandoli alle posizioni di rincalzo, fuori dai punti, in diciannovesima posizione finale.


La coppia reggiano/toscana nonostante ciò ha dunque finito la stagione in quinta posizione, con la soddisfazione della grande crescita tecnica da parte del pilota, ben sostenuto dall’esperto copilota Farnocchia, al terzo anno di disputa della massima serie nazionale di corse su strada, un contesto altamente competitivo e professionale.


Sfortuna anche per Andrea Dalmazzini/Giacomo Ciucci, con la consueta Ford Fiesta R5 Evo2 di GB Motors. Assente dalle scene tricolori dallo scorso luglio, dal Rally RomaCapitale,  Dalmazzini aveva soprattutto il compito di proseguire il suo percorso di crescita su fondo asfaltato, grazie anche al contributo ed all’interesse di Aci Team Italia. Purtroppo anche per lui è arrivata la doccia fredda del ritiro durante la settima prova speciale, quando era in settima posizione assoluta, avendo visto che il gap dagli specialisti del Campionato assai ridotto rispetto alle prime uscite stagionali.
Dalmazzini e Ciucci hanno terminato la stagione tricolore in 9^ posizione finale nel Campionato Asfalto, con metà delle gare disputate rispetto agli avversari (il suo programma è partito dal Rallye Elba a maggio) e con due soli arrivi (Elba e RomaCapitale).


FOTO: RUSCE IN AZIONE (BETTIOL)


#Rally    #XRaceSport    #CIRally