mercoledì 3 giugno 2020

IL RALLY DI REGGELLO E CITTA’ DI FIRENZE RIMANDATO AL 2021

Manca la certezza per poter prevedere lo svolgimento dell’evento sia sotto il profilo sanitario che normativo, per cui Reggello Motor Sport ha deciso a malincuore di annullare l'evento, valido per la Coppa Rally di VI zona, previsto per il 5-6 settembre.

Arrivederci al 2021, mantenendo la validità ufficiale.

 

Reggello (Firenze), 03 giugno 2020 – Reggello Motor Sport comunica che la 13^ edizione del Rally di Reggello - Città di Firenze, prevista per il 5-6 settembre, valido per la Coppa Rally di VI zona oltre che per le auto storiche con la “Coppa Città dell’Olio”, non verrà disputata.

Dopo aver analizzato a fondo le prospettive e le eventuali possibilità, Reggello Motor Sport ha preso la sofferta decisione di fermare, per il 2020, il rally riproponendolo per la prossima stagione, mantenendo la validità assegnata quest’anno. Una decisione valutata a seguito dell'imprevedibile situazione venutasi a creare con l'emergenza sanitaria da Covid-19, che ha cambiato radicalmente lo scenario sportivo.

Un contesto che avrebbe costretto ad un ridimensionamento della manifestazione, peraltro difficile da rimodulare. La particolare conformazione logistica della gara, nel valdarno fiorentino attraversando il territorio di diversi Comuni, anche l’impossibilità di avere luoghi idonei ad ospitare la gara ed i suoi partecipanti dovendo osservare i rigidi protocolli sanitari previsti, sono condizioni che a livello organizzativo Reggello Motor Sport  ha ritenuto di non poter sostenere.  A questo si aggiunge anche la difficoltà di trovare una ricollocazione nel nuovo calendario senza andare a sovrapporsi con appuntamenti già inseriti nei pochi mesi che resteranno a disposizione.

"Ci abbiamo pensato tanto commenta il presidente di Reggello Motor Sport Mauro Cannoni - ma purtroppo non ci sono le condizioni per confermare l'appuntamento. Condizioni su vari argomenti, da quello economico, per il reperimento di sponsor e la collaborazione con i partner del territorio, anche loro messi in ginocchio dalla crisi, condizioni anche sotto l’aspetto logistico, con la difficoltà di poter trovare luoghi per ospitare la gara per Partenza/Arrivo, Parco Assistenza e Riordinamenti. Chi ci conosce sa bene con quale passione e dedizione abbiamo sempre organizzato il “Reggello” dal 2008, come sempre abbiamo lavorato cercando di rispettare le prescrizioni e non disattendere le aspettative di tutti. Stavolta, però, saremmo stati davanti ad una vera e propria corsa ad ostacoli, piena di incertezze, che abbiamo pensato mettesse in grande difficoltà la macchina organizzativa, per cui saltiamo all’anno prossimo. Desidero, a nome del sodalizio, ringraziare tutti coloro che in questi mesi hanno dimostrato la loro vicinanza alla gara, dalla Federazione, alle autorità del territorio che ci avrebbero dato supporto nel caso avremmo deciso di farla. Ed anche a diversi sponsor che comunque pur con grandi sforzi ci avrebbero seguiti. E' un momento triste, ma guardiamo avanti con ottimismo, torneremo più forti per un “Reggello 2021” d’effetto!".

L’edizione del 2019 vide siglare il poker di successi del pisano Senigagliesi (Skoda Fabia R5), davanti alle due VolksWagen Polo R5 del valtellinese Gianesini e del fiorentino Cavalieri. Tra le “storiche” si impose il senese Pierangioli con una Ford Sierra Cosworth.

#Rally  #RallyReggello2020  #Valdarnofiorentino  #Reggello  #Firenze  #CoppaRallydiZona #PremiorallyAciLucca  #AciFirenze  #RitalianTrophy

www.reggellomotorsport.it

Reggello Motor Sport A.s.d.

Via Casaromolo 10/12
50066 Reggello (FI)
info@rallyreggello.it
Tel. e Fax 055 8695922

 

lunedì 1 giugno 2020

ARRIVANO DUE GIORNI DI TEST SU TERRA IL 27 E 28 GIUGNO: VALTIBERINA MOTORSPORT “SCALDA” I MOTORI IN VISTA DELLA RIPARTENZA


 

Due giornate di test su strada sterrata hanno tutta l’aria di essere il preludio alla ripartenza delle gare siu strada bianca, che verosimilmente potrebbe essere con il 14°Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina.

 

Le due giornate di lavoro, coperte da assicurazione, saranno organizzate secondo le norme federali vigenti e secondo i protocolli sanitari obbligatori per affrontare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

 

Arezzo, 01 giugno 2020

La ripartenza dell’attività agonistica delle corse su strada è prossima ad arrivare e sicuramente si avvicina anche la prima data utile per accendere le sfide delle gare su strada bianca, per le quali il nome del 14°Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina è quello più accreditato per dare il via alla “rinascita”.

 

Nell’attesa, Valtiberina Motorsport ha previsto due giornate di test su fondo sterrato,  il 27 e 28 giugno, l’occasione perfetta per riprendere in mano un volante da corsa sulla terra, per tornare a sorridere, per divertirsi e soprattutto ottime per provare le vetture in vista della ripartenza dei campionati.



Sarà un servizio completo, quello che Valtiberina Motorsport metterà a disposizione di chi aderirà all’iniziativa, organizzata secondo le norme federali vigenti e secondo i protocolli sanitari obbligatori per affrontare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

 

La “Prova Speciale” prevista sarà lunga circa 3,5 Km, avrà dunque la copertura del servizio di sicurezza e sanitario e sarà “servita” da un’ampia area di lavoro per i team, oltre ad avere un servizio catering. Le due giornate di lavoro per piloti e squadre saranno coperte da assicurazione.

A breve, nel sito web www.valtiberinamotorsport.it verrà inserita la scheda di iscrizione oltre all’elenco delle strutture ricettive convenzionate con l'iniziativa.

 

FOTO LORENZO MARTINCICH

 

VALTIBERINA MOTORSPORT

info@valtiberinamotorsport.it

www.valtiberinamotorsport.it

 

Facebook @RallyValtiberina @vtbmotorsport

Twitter @RallyValtiberin

 

www.terseries.com

 

www.raceday.it

 

#RallyCittàdiArezzoCreteSenesiValtiberina2020 #TerSeries #Rally #motorsport 

#rallypassion #terra #RacedayRallyTerra

#crete #Arezzo  #Asciano  #Anghiari  #PieveSantoStefano  #Siena  #gravel

Annullata l’edizione 2020 del Rally del Friuli Venezia Giulia-Alpi Orientali Historic.

COMUNICATO STAMPA

Annullata l’edizione 2020

del Rally del Friuli Venezia Giulia-Alpi Orientali Historic.

Appuntamento nel 2021

Valutata l'evoluzione dell'emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid 19 e le non facili condizioni per la ripresa degli eventi sportivi, la Scuderia Friuli ACU ha ritenuto di non poter far svolgere la manifestazione nell'anno in corso.

L'appuntamento sarà riproposto nel 2021 con le stesse validità.

UDINE, 01 giugno 2020 - La Scuderia Friuli ACU comunica che ha deciso di rinviare di un anno la disputa della 56esima edizione del Rally del Friuli Venezia-25° Rally Alpi Orientali Historic prevista per il 29 e 30 agosto, la quale quest’anno avrebbe dovuto ospitare i protagonisti del Campionato Italiano WRC oltre a quelli del “tricolore” per vetture storiche della Mitropa Rally Cup e della Central European Zone.

L’imprevedibile situazione venutasi a creare a seguito della pandemia da Covid-19 oltre ad aver cambiato radicalmente lo scenario nazionale e la vita quotidiana degli italiani ha ovviamente modificato anche tutto l’apparato sportivo e la situazione avrebbe evidentemente ridimensionato la competizione in molte delle sue caratteristiche.

L’organizzazione ha cercato sino all’ultimo di provare ad accendere i motori della sfida, ma purtroppo la realtà di molte e insormontabili difficoltà sorte, da quelle di carattere tecnico a quelle legate anche alle prerogative sanitarie imposte a tutela della salute, ha deciso che l’evento non sarà dunque organizzato quest’anno e nel contempo è stata avanzata formale richiesta alla Direzione dello Sport Automobilistico ACI Sport per l’inserimento a calendario nel 2021, con il mantenimento delle validità.

“E’ stata una decisione sofferta, quella di non far svolgere il rally, come accaduto anche per la nostra cronoscalata di Verzegnis – commenta Giorgio Croce, il patron dell’organizzazione - ma purtroppo l’attuale situazione dovuta alla pandemia è ancora molto difficile da interpretare rendendo particolarmente complessa la rivisitazione della gara in molte delle sue sfaccettature. In questi mesi di pandemia siamo stati in continuo contatto con le amministrazioni locali ed anche con i partner vagliando varie soluzioni e devo dire che abbiamo avuto la più ampia disponibilità.

Una decisione, la nostra, pensata e ripensata, rimandata più volte tanta era la voglia di rimettere in strada la gara anche con le limitazioni previste, indispensabili sicuramente, scaturite dal lavoro di ACI Sport che si è adoperata per ripristinare gare e calendario dei Rally e delle altre specialità motoristiche in questo difficile momento.

Nello stesso tempo ci pare ineccepibile la nostra decisione. Il nostro appassionato lavoro che dura da moltissimi anni coinvolge un vasto territorio  che da sempre ci accoglie a braccia aperte, che ci vuole bene e che lo dimostra al passaggio dei piloti e durante la settimana delle ricognizioni, anche i piloti hanno gradito la durezza della nostra gara, vedasi il numero sempre notevole degli iscritti, le speciali impegnative che mettono a dura  prova  la loro abilità  e poi la storia che l'Alpi Orientali si porta dietro da più di mezzo secolo, la presenza del connubio con le auto storiche a sottolineare questo” trait d'union “ con un prestigioso passato non possono esser ignorate.

Non ce la siamo sentita allestire una manifestazione con tre prove speciali e con si e no ottanta chilometri cronometrati, senza una vera partenza e soprattutto senza un arrivo nel centro storico di Udine tra una folla festante ed appassionata.

Il podio del 2019 (foto M. Bettiol)

La nostra gara è anche tutto questo, il veicolo turistico che genera verrebbe sicuramente svilito dalla situazione della pandemia, il pubblico, grande protagonista non potrebbe assieparsi sui curvoni del Trivio o della Bocchetta Sant'Antonio, perchè è anche per loro che noi lavoriamo per fornire uno spettacolo di livello atteso per un intero anno.

Non potevamo fornire un qualche cosa di monco che forse non sarebbe stato capito, meglio rimandare il tutto al prossimo anno che, vista la saggia decisione dell'ACI Sport, ci manterrà le due validità di Campionato Italiano e quelle internazionale di FIA Cez e di Mitropa Rally Cup.

Questo anno sabbatico ci permetterà di studiare meglio il tutto, lo svolgersi della gara, eleminare qualche errorino del passato e fornire ancora ai nostri affezionati sponsor un veicolo promozionale e di comunicazione di elevato livello ed al nostro territorio un evento degno di portare il nome del Friuli Venezia Giulia alla ribalta internazionale, frutto del lavoro di un gruppo di appassionati volontari che oltre alla passione per l'automobilismo sportivo vuole valorizzare la splendida terra in cui vivono.

La Scuderia Friuli ACU esprime ampia soddisfazione con la Federazione per il notevole, importante lavoro svolto al fine di creare un protocollo sanitario per la ripresa delle attività motoristiche, ringrazia anche le Istituzioni del territorio, i partner e gli sponsor che hanno comunque sostenuto il progetto 2020 della gara rimanendo sempre al fianco dell’organizzazione e ringrazia anche i tanti concorrenti che avevano espresso la volontà di prendervi parte.

A tutti si dà appuntamento al 2021.

#RallyFVG   #alpiorientali   #inrallywetrust  #rally  #CIWRC  #mitroparallycup #CentralEuropeanZone #motorsport 



giovedì 28 maggio 2020

Movisport torna ad accendere i motori: pronto un test collettivo per i suoi piloti

La scuderia reggiana per sabato 30 maggio accompagnerà diversi suoi piloti in un test collettivo sul circuito di Castelletto di Branduzzo, in attesa della ripartenza agonistica, attesa in breve tempo.

 

Reggio Emilia, 28 maggio 2020

 

Movisport si sta organizzando per la ripartenza dell’attività motoristica. Dopo mesi di totale stop dovuto alla pandemia da Covid-19, il sodalizio reggiano ha allestito un test collettivo cui parteciperanno alcuni suoi piloti da rally, programmato per sabato 30 maggio sul circuito di Castelletto di Branduzzo, in provincia di Pavia.

L’iniziativa sarà in collaborazione con la compagine alessandrina Erreffe Rally Team e con il Team Baldon Rally.

I piloti impegnati saranno: Giovanni Baruffa, Mauro Ibatici, Matteo Lusoli, Silvano Patera, Marco Severi, Guido Zanazio e Stefano Zanni.

Le vetture messe a disposizione per i varii turni di prova saranno due Skoda Fabia R5 (una versione “Evoluzione”) ed una Renault Clio Super 1600 “griffate” Erreffe ed una Peugeot 208 R2 del Team Baldon Rally.


Nella foto, Silvano Patera impegnato lo scorso gennaio a Monte Carlo.

 

#Rally #Rallye #Movisport #Motorsport #RacingIsLife #andratuttobene


lunedì 25 maggio 2020

14° RALLY “CITTA’ DI AREZZO-CRETE SENESI E VALTIBERINA”: ULTERIORI PRECISAZIONI DALL’ORGANIZZAZIONE


Valtiberina Motorsport e la testata “Rally e Slalom” hanno avuto chiarimento

 sulla discussione sollevata da un articolo apparso nelle pagine web il 22 maggio.

 

 

Arezzo, 25 maggio 2020

In merito alla polemica innescata via “social” a seguito della pubblicazione di un articolo pubblicato nella giornata di venerdì nelle pagine web del mensile specializzato “Rally e Slalom” (www.rallyeslalom.com) e alla successiva diffusione di un comunicato stampa ufficiale nel quale si puntualizzava che l’evento non è da ritenersi a rischio di effettuazione in una data che verrà decisa di concerto dagli organi Federali, Valtiberina Motorsport comunica di aver chiarito la questione con la Direzione della testata stessa.

Riconoscendo che i toni della discussione, nonostante punti di vista differenti, si siano troppo esasperati portando ad una incomprensione tra le parti, Valtiberina Motorsport sente il dovere di rivolgere le proprie scuse ai diretti interessati ed a chiunque si sia sentito turbato dai contenuti inseriti nella propria comunicazione ufficiale diffusa anche via “social” nella mattina di sabato 23 maggio.

foto Lorenzo Martincich

Al di là della discussione relativamente ad una vicenda, rimane immutato l’apprezzamento e la stima per il lavoro svolto da “Rally e Slalom” per la valorizzazione delle competizioni di rally e dei loro attori, fin da ora vengono invitati ad Arezzo per raccontare ancor più nel dettaglio, come loro consuetudine, il 14°Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina.

 

VALTIBERINA MOTORSPORT

info@valtiberinamotorsport.it

www.valtiberinamotorsport.it

 

Facebook @RallyValtiberina @vtbmotorsport

Twitter @RallyValtiberin

 

www.terseries.com

 

www.raceday.it

 

#RallyCittàdiArezzoCreteSenesiValtiberina2020 #TerSeries #Rally #motorsport 

#rallypassion  #terra #RacedayRallyTerra

#crete #Arezzo  #Asciano  #Anghiari  #PieveSantoStefano  #Siena  #gravel

 

 


sabato 23 maggio 2020

14° RALLY “CITTA’ DI AREZZO-CRETE SENESI E VALTIBERINA”: PRECISAZIONI DALL’ORGANIZZAZIONE


Valtiberina motorsport puntualizza che quanto riportato nelle pagine web della testata “Rally e Slalom” sono prive di fondamento e che per la gara è stata confermata ad ACI SPORT la volontà di farla svolgere in una collocazione che verrà definita con la rimodulazione del calendario sportivo nazionale, in un ventaglio temporale da agosto ad ottobre.

 

Arezzo, 23 maggio 2020

In merito all’articolo pubblicato nella giornata di ieri nelle pagine web del mensile specializzato “Rally e Slalom” (www.rallyeslalom.com) a firma di Tommaso Valinotti intitolato “NUBI SUL VAL TIBERINA? RACEDAY A GIANMARCO DONETTO?”, Valtiberina Motorsport, insieme a tutti i suoi partner intende chiarire che quanto riportato è totalmente privo di fondamento.

Valtiberina Motorsport comunica che il 14° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina, rimandato a data da destinarsi dal periodo di origine a seguito delle nuove disposizioni emanate dal Governo Italiano circa l’emergenza sanitaria da COVID-19, NON E’ A RISCHIO DI EFFETTUAZIONE ed a conforto di questo informa che proprio nella giornata di ieri è stata comunicata alla Direzione Centrale dello Sport Automobilistico ACI SPORT la decisa volontà di organizzare l’evento, mettendosi a disposizione per il reperimento di una data nel ventaglio temporale che va da agosto ad ottobre. Data che verrà comunicata non appena possibile, comunque seguendo le esigenze che emergeranno in sede di composizione di un nuovo calendario sportivo da parte dell’organo Federale.


“Ci dispiace constatare - commentano dalla direzione di Valtiberina Motorsport - che si inseguano gossip ed illazioni inesistenti, voci infondate. Si conferma che la notizia così come è stata pubblicata non è stata generata dai nostri canali ufficiali, e ogni aspetto e particolare di quanto scritto è privo di fondamento. Siamo amareggiati che queste notizie abbiano coinvolto una testata giornalistica che è sempre stata al fianco delle gare e degli organizzatori con le sue cronache e nel frattempo si conferma che stiamo lavorando per consegnare ai rallies un evento come quello che era stato pensato prima dell’insorgere dell’epidemia”.

 

Notizie circa la gara diffuse senza avere la versione ufficiale dell’organizzazione non costituiscono un contributo all’evento stesso e neppure al lavoro che si sta portando avanti per poterla far correre, rischiando di ingenerare confusione oltre che nei rapporti con i partner/Sponsor e con le istituzioni oltre che circa i contenuti e i tempi del nuovo scenario auspicato.

 

Per questo Valtiberina Motorsport comunica che ogni e qualsiasi altra notizia sul 14° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina, sarà valida soltanto se diffusa dall’organizzazione mediante comunicazioni ufficiali o mediante informative Federali cui si dovrà fare esclusivo riferimento. Eventuali notizie concepite e diffuse che siano ritenute lesive per l’immagine e la dignità del sodalizio e della gara stessa saranno oggetto di denuncia, con riserva di prevedere le vie legali, senza preavviso, per meglio tutelare i propri diritti. 


VALTIBERINA MOTORSPORT

info@valtiberinamotorsport.it

www.valtiberinamotorsport.it

 

Facebook @RallyValtiberina @vtbmotorsport

Twitter @RallyValtiberin

 

www.terseries.com

 

www.raceday.it

 

#RallyCittàdiArezzoCreteSenesiValtiberina2020 #TerSeries #Rally #motorsport 

#rallypassion  #terra #RacedayRallyTerra

#crete #Arezzo  #Asciano  #Anghiari  #PieveSantoStefano  #Siena  #gravel

 


mercoledì 20 maggio 2020

IL 32° RALLY ALTO APPENNINO BOLOGNESE RINVIATO A DATA DA DESTINARSI


Manca la certezza per poter prevedere la ripresa dell’attività agonistica sia sotto il profilo sanitario che normativo, per cui l’organizzatore, EventStyle si vede costretto a rinviare l’evento, valido per la Coppa Rally di V zona, a data da destinarsi.

Si rimane in attesa delle indicazioni federali circa la rimodulazione del calendario sportivo nazionale.

 

20 maggio 2020 – Anche il 32° Rally Alto Appennino Bolognese, sulla linea di tutte le gare previste nel periodo da marzo in poi, deve annunciare il rinvio a data da destinarsi.



 

La gara, che avrebbe dovuto svolgersi il 27 e 28 giugno, valida quale secondo atto della Coppa Rally di V zona oltre che valido anche per le auto storiche, a causa dell'evoluzione generata dalla pandemia da Covid-19 e vista anche l'attuale situazione di incertezza sia a livello sanitario che anche regolamentare/normativo, non potrà quindi svolgersi.

 

L’organizzatore, EventStyle, preso atto dell'impossibilità di poter far svolgere regolarmente l’evento sull’appennino bolognese, nel contempo comunica che concentrerà tutte le proprie forze al fine di ricollocare la gara in calendario per quanto e per come possibile, seguendo con estrema attenzione l’evolversi delle novità regolamentari che arriveranno dalla Direzione Nazionale dello sport automobilistico ACI Sport oltre che le indicazioni generate dal continuo aggiornamento delle misure sanitarie volte al contenimento della diffusione epidemica.

 

Ogni e qualsiasi altra notizia sul 32° Rally Alto Appennino Bolognese sarà diffusa dall’organizzazione mediante comunicazioni ufficiali o mediante informative Federali cui si dovrà fare esclusivo riferimento.


NELLA FOTO IL PODIO DELL'EDIZIONE 2019 DELLA GARA

 

www.raabevent.com

 

#Rally  #RAAB  #RAABstorico  #motorsport  #rallypassion #appenninobolognese #eventstyle