martedì 21 maggio 2019

“VALDINIEVOLE” SFORTUNATO PER TOBIA CAVALLINI

Il pilota di Cerreto Guidi, tornato al volante dopo sette mesi di pausa con la Skoda Fabia R5 ed assecondato da Giuliano Manfredi ha corso una gara sofferta sino al ritiro, nella seconda metà di gara per una ruota danneggiata da una pietra.


21 maggio 2019 – E’ stato un rally “Valdinievole” decisamente grigio, quello corsonel fine settimana passato da Tobia Cavallini in questo fine settimana al volante della Skoda Fabia R5 di PA Racing gommata Pirelli e con al suo fianco Giuliano Manfredi.

Una gara, cui il pilota di Cerreto Guidi, portacolori della Jolly Racing Team, puntava decisamente a bissare il successo del 2018 ma che ben presto si è rivelata sofferta soprattutto perché condizionata dal maltempo. Le mutevoli condizioni del meteo, che avevano reso la strada un vero e proprio rebus per le scelte degli pneumatici, hanno fatto da deterrente per far scattare la molla della fiducia sul mezzo e soprattutto per le sistemare il setup della vettura.


Nonostante le oggettive difficoltà sulla strada Cavallini e Manfredi erano riusciti ad insediarsi al secondo posto dietro al poi futuro vincitore Pierotti, con le percezioni alla guida in crescendo per essere riusciti, insieme alla squadra, a trovare i giusti parametri per terminare l’impegno con un aumento di sensazioni positive, per poi dover alzare bandiera bianca a due prove dal termine (l’ultimo passaggio della “Larciano”) a causa di una pietra affiorata a bordo strada che ha danneggiato irrimediabilmente una ruota.

TOBIA CAVALLINI: “E’ stato un rally molto difficile a causa del maltempo che ha reso le strade veramente insidiose soprattutto nella ripetizione delle prove che si sporcavano tantissimo. Ci tenevo a fare bene per onorare al meglio la gara di casa, che però è partita subito in salita con un testacoda nella PS.2 e conseguenti secondi persi. Siamo andati avanti faticando molto a causa di eccessivo sottosterzo che non mi permetteva guidare al meglio la Fabia. All’ultimo parco assistenza, insieme al team abbiamo fatto delle significative modifiche setup e quando siamo entrati in prova le sensazioni erano decisamente molto buone. Peccato però, che a circa due chilometri da fine prova, in un “tornatone” che terminava con un taglio, sono entrato troppo dentro urtando una pietra che stava affiorando, danneggiando così il braccio anteriore con conseguente ritiro. Purtroppo anche queste sono le gare… Ci tengo a ringraziare il Team PA Racing per la splendida auto che mi ha messo a disposizione e per il supporto datomi per mettermi nella condizione di esprimermi al meglio. Vorrei inoltre ringraziare la Jolly Racing Team, un gruppo di ragazzi fantastici e veramente appassionati, che sono riusciti ad organizzare e gestire al meglio la gara, anche contro le difficili avversità del meteo, veramente bravi!!! Per finire, noi ci riproveremo il prossimo anno…….”

Foto SIMONELLI

lunedì 20 maggio 2019

Riecco l’ERC per Movisport: Melegari e Bonato al via in Lettonia


L’equipaggio riparte per la seconda avventura continentale dopo le ottime sensazioni “sentite” alle Canarie, gara con la quale hanno preso il terzo posto in classifica di Campionato gruppo N (ERC-2)

Lo scorso fine settimana nuove soddisfazioni in Veneto e Lombardia.



Reggio Emilia, 20 maggio 2019

All’orizzonte c’è il Rally Liepaja, in Lettonia, per Movisport. Questo fine settimana, l’ultimo di maggio, sarà quello del secondo impegno stagionale di Zelindo Melegari e Corrado Bonato nel Campionato Europeo Rally (ERC), nel quale hanno avviato i duelli ad inizio mese alle Isole Canarie, insediandosi al terzo posto nella classifica ERC-2, il Campionato del Gruppo N.


La coppia arriva sulle rive del Mar Baltico per la terza prova della serie continentale, che avrà fondo sterrato, uno degli eventi più veloci e spettacolari del campionato, che affronterà con la Mitsubishi Lancer Evolution Gruppo N del team Neiksans Rallysport, che peraltro stavolta, essendo lettone, “gioca in casa”, potendo dare così all’equipaggio tutte le migliori indicazioni possibili per affrontare al meglio l’impegno e trarne il maggior vantaggio in termini di prestazione e quindi piazzamento. L’obiettivo è chiaramente quello di mantenere salda una posizione da podio, dovendo vedersela con diversi competitor decisi anche loro a tirar su punti pesanti per il campionato, da Ralfs Sirmacis a Sergey Remennik, Vytautas Švedas e Mshari Althefiril, che arriva dal Kuwait.

Se per Bonato sarà un’esperienza nuova, per Melegari questo “Liepaja 2019” è la terza occasione di correrlo, avendo già disputato il rally nel 2016 e 2017. E proprio con l’edizione di due anni fa c’è il classico conto “in sospeso” in quanto si dovette ritirare per uscita di strada.

La città di Liepāja, importante porto sul cordone litorale che separa il Mar Baltico dalla laguna omonima, 180 km a ovest-sud-ovest della capitale Riga, resta il centro del rally, ma c'è la novità della regione Talsi con spostamento del percorso verso nord per la prima volta, oltre che l'anticipo a maggio rispetto alla consuetudine di ottobre.


La gara prevede 13 prove speciali per un totale di 207,98 chilometri di tratti cronometrati su sterrato.

 “CAMUNIA” E “GRIFO” DI SODDISFAZIONE
Due le gare per Movisport lo scorso fine settimana, il Camunia Rally in Lombardia a Breno (Brescia), in un percorso parzialmente differente rispetto al passato, ed il Rally del Grifo, a  Chiampo, nel vicentino, per l’edizione numero 10 della gara che anche in questo caso ha cambiato in alcune cose rispetto alle passate edizioni.
Sara Micheletti e Silvia Rocchi su una Peugeot R2B al “Camunia” hanno vinto la classifica femminile firmando anche l’undicesima posizione di classe, mentre  Casarotto-Savegnago al “Grifo” su una Renault Clio R3, per la prima  partecipazione del pilota in questo 2019, reduce da malanni fisici alla schiena,  hanno conquistato la seconda posizione di classe, quattordicesimi assoluti.

Foto: Melegari in azione (foto Josef Petru)

#rally #Movisport #ERC  #NeiksansRallysport  #MelegariBonato  #Mitsubishi #Lancer