lunedì 26 settembre 2022

AUTOSOLE 2.0 AL RALLY CITTA’ DI PISTOIA: UN “TRIDENTE” SKODA CON ANCHE LO “STRANIERO”

Fiore-Natalini, Zelko-Cerbai ed i leader del Campionato di Romania Barbu-Iancu saranno presenza di spessore all’ultima prova della Coppa Rally di Zona, questo fine settimana.

Quarrata (Pistoia), 26 settembre 2022 – Tre Skoda Fabia R5, con una presenza straniera di spessore saranno il “deterrente” di Autosole 2.0 e FC Competition al 43. Rally Città di Pistoia, ultima prova della Coppa di VI zona, in programma questo fine settimana. 

Occhi e riflettori puntati proprio sullo “straniero”, che sarà il rumeno Sebastian Barbu, in coppia con Bogdan Iancu, i leader del Campionato nazionale rally di Romania, i quali saranno ovviamente al debutto in Italia, prendendo il “Pistoia” come utile allenamento per il prossimo impegno nel loro Paese, il Rally a Cluj il 6-8 ottobre, penultima prova stagionale dove tornerà l’asfalto dopo le prove sterrate.

Insieme a questa vera e propria “guest star”, ci saranno Nicola Fiore e Alessio Natalini, pronti a onorare al meglio la gara “casalinga” ed anche il pratese Federico Zelko, in coppia con Andrea Cerbai. Entrambi gli equipaggi puntano ovviamente alla top ten assoluta, mentre Barbu, forte di cinque podii su sei gare disputate quest’anno (nonché Vice Campione  e Campione “asfalto” 2021) sarà tutto da scoprire, in quanto le strade pistoiesi si presenteranno decisamente diverse, più “nervose” e lente di quelle del suo Paese, dovendosi quindi adattare ad uno scenario completamente diverso, ma sicuramente probante.

#Rally #Rallye #PassionForExcellence #Motorsport #RacingIsLife #FCcompetition #Autosole2_0  #SkodaFabiaRally2 #SebastianBarbu #BarbuIancu #RallyPistoia2022

NELLA FOTO:  Barbu-Iancu in azione




ANDREA VOLPI DELUSO DAL SUO “ELBA” CERCA IL RISCATTO A PISTOIA: DEBUTTO CON LA VOLKSWAGEN POLO R5

Ritirato a metà della prima tappa quando era ai vertici del Rallye Elba Storico, il pilota di Portoferraio, sempre con al fianco il fido Michele Maffoni, questo fine settimana sarà al via dell’ultima prova della Coppa di Zona.

26 settembre 2022

Voglia di girare subito pagina, la “ferita” brucia ancora e forte, per Andrea Volpi, reduce da uno sfortunato Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy, dove non ha potuto bissare il risultato solare dello scorso anno a causa del ritiro a metà della prima tappa quando era ai vertici assoluti e di raggruppamento.

Con la Lancia Delta Integrale 16V firmata Jolly Autosport, il pilota della scuderia ProRacing, come sempre affiancato da Michele Maffoni si è fermato per problemi al motore, sino a quel momento era quarto assoluto e primo nel quarto raggruppamento, quindi i presupposti per fare bene c’erano tutti.


Una pagina sfortunata che impone subito di essere voltata e Volpi lo farà immediatamente, questo fine settimana, presentandosi ai nastri di partenza del 43. Rally Città di Pistoia, ultimo atto della Coppa di VI zona, alla quale, sempre con Maffoni alle note, si presenterà al volante della VolksWagen Polo R5 della Pool Racing.  Si tratta di un debutto, per Volpi, con la vettura tedesca, un desiderio che si realizza, visto che è sempre stata il suo oggetto del desiderio.

In lizza per i vertici della Michelin Zone Rally Cup, per il podio dell’R-Italian Trophy ed anche per la Coppa di VI zona, torna a Pistoia dopo ben sette anni di assenza e certamente la vorrà fare da protagonista per dare un senso compiuto alla sua stagione tra le “moderne”.

IL COMMENTO DI ANDREA VOLPI: “L’Elba, la nostra Elba, quest’anno ci ha traditi! Purtroppo quella che volevamo fosse la continuità del bellissimo risultato del 2021 non c’è stata, abbiamo sofferto una grande delusione, ma purtroppo le gare sono anche queste. Anzi, proprio da questo momento negativo dobbiamo creare un riscatto, dobbiamo reagire ed andare a Pistoia con i migliori propositi. Mi stimola molto salire sulla Polo, era un “dente” che mi volevo togliere e chissà che non nasca un nuovo, vero, amore . . . ”. 


sabato 24 settembre 2022

LA IX HISTORIC REGULARITY SPORT ALL’ELBA:

VITTORIA PER MARANI-VAROTTO (PORSCHE 911 RS),

IL “GRAFFITI” PER CONCARI-FRASCAROLI (LANCIA DELTA 4WD)

Due giornate di grandi sfide hanno esaltato di nuovo i partecipanti ad un appuntamento come sempre esclusivo.

Capoliveri (Isola d’Elba-Livorno), 24 settembre 2022 – La consuetudine, la tradizione, è stata rispettata anche quest’anno, con il XXXIV Rallye Elba Storico – Trofeo Locman Italy, l’edizione che ha segnato il record di iscritti (183), che ha offerto la “Regolarità” in due sfide distinte, il “Graffiti” e la “Sport”.

Il successo delle adesioni alla gara è dunque passato anche dalle due sfide di regolarità, che hanno permesso ai concorrenti di apprezzare i paesaggi mozzafiato che l’isola napoleonica offre in ogni suo angolo.

Il celeberrimo “Elba Graffiti”, per la regolarità “tricolore” a media è stata appannaggio della Lancia Delta 4WD di Paolo Concari e Marco Frascaroli, con un computo totale di 245 penalità, con Marco Gandino e Danilo Scarcella, anche loro su una Lancia Delta Integrale secondi con 297 penalità.

Podio completato dall’equipaggio italo-svizzero composto da Christian Pierre e Elena Bonnet, su una Alfa romeo Giulietta Ti (303 penalità), a completare dunque un podio tutto marchiato italiano, come autovetture. 

La competizione di “Regolarità Sport” è stata appannaggio di Andrea Marani e Andrea Varotto, che in totale hanno espresso 16 penalità, con la loro Porsche 911 RS per i colori del Racing Team Le Fonti.

Sono invece 25, le penalità di Leonardo Fabbri e Tomas Sartore, secondi assoluti con una Volvo 144 S, portacolori del Profetto Mite. Terzo gradino del podio per Barbara Zazzeri e Cristiano Androvandi, con la A112 Abarth, in rappresentanza del prestigioso nome della Scuderia “del Grifone” di Genova. Si sono fermati vicini a Fabbri, con una sola penalità in più, 26 ed a loro volta hanno sopravanzato i quarti in classifica, Marco Maiolo e Maria Teresa Paracchini, con la affascinante Porsche 911 RSr, per un solo punto.

FOTO:    Concari-Frascaroli e Marani-Varotto, vincitori delle due competizioni di regolarità (Foto AmicoRally)

www.rallyelbastorico.net


#RallyeElbaStorico2022 #TrofeoLocmanItaly #Locman #ElbaGraffiti #AciLivorno #AciLivornoSport #FIAHSRC #CIRAS  #autostoriche #rallystorici #rally #motorsport #elba #isoladelba #italy #mare #sea #elbaisland #toscana #island #sky #travel #tuscany #italia 


XXXIV RALLYE ELBA STORICO – TROFEO LOCMAN ITALY: SUCCESSO PER LOMBARDO-CONSIGLIO (PORSCHE)

L’equipaggio siciliano è riuscito a contenere gli attacchi di un’agguerrita concorrenza, aggiudicandosi per la prima volta l’assoluta nella competizione di Aci Livorno, conquistando matematicamente il titolo tricolore “due ruote motrici” del secondo raggruppamento.

Ai posti d’onore, hanno finito le altre due Porsche del senese Alberto Salvini e del palermitano Natale Mannino (Porsche), che ha rilevato sul podio il conterraneo “Totò” Riolo (Subaru), fermo dopo la settima prova per noie elettriche.

Sfortunati gli attesissimi driver elbani Bettini e Volpi, entrambi fermi già nella prima tappa, il migliore dei locali è stato Marco Galullo con una Peugeot 205 GTi.

Capoliveri (Isola d’Elba-Livorno), 24 settembre 2022 – Sono i siciliani  Angelo Lombardo e Roberto Consiglio, con una Porsche 911 RS del secondo raggruppamento, i vincitori del XXXIV Rallye Elba Storico – Trofeo Locman Italy, l’edizione che ha segnato il record di iscritti (183), valido quale ottava prova del cammino 2022 del FIA European Historic Rally Championship (EHRC) e penultimo degli otto appuntamenti del Campionato Italiano Rally Auto Storiche (CIRAS), offrendo anche il Trofeo A 112 Abarth e la “Regolarità” in due sfide distinte.

Dopo un attacco vibrante ad inizio prima tappa del locale Bettini, poi fermatosi per uscita di strada, dalla terza prova la classifica l’aveva presa in mano Lombardo, bravo a terminare poi la prima tappa al comando arginando con decisione ed anche lucidità, gli attacchi soprattutto del senese Alberto Savini (Porsche 911 RS) e del siciliano “Totò” Riolo, con la Subaru Legacy, in quella che quest’anno, per il pilota di Cerda è stata ben la ventesima partecipazione del all’Elba.

Nella seconda tappa, peraltro condizionata dalla pioggia nella parte finale, determinante per gli equilibri di alta classifica è stata la mitica prova “Volterraio-Cavo”, di oltre ventisei chilometri, dove Lombardo ha compiuto un allungo deciso lasciando gli altri due in bagarre a giocarsi il resto del podio assoluto, divisi da solo 1”4. Ma il dualismo non ha avuto seguito, in quanto Riolo è stato poi costretto a gettare la spugna a causa di noie elettriche alla rombante vettura boxer della Casa “delle Pleiadi” affidatagli proprio dopo questo impegno.

A quel punto, con Lombardo che si è involato verso il traguardo da vincitore con grande merito, per Salvini, finito poi secondo, è stata un finale di gara più tranquillo, visto l’ampio divario con il terzo assoluto, il palermitano Natale Mannino, con al fianco Giacomo Giannone su una Porsche 911 SC. Anche questi ultimi hanno disputato un “Elba” d’effetto, venendo premiati con il gradino più basso del podio.

Nel primo raggruppamento vittoria sicura per Antonio Parisi e Giuseppe D’Angelo, con la Posche 911 S, su Carlo Fiorito e Marina Bertonasco (BMW 2002 Ti), entrambi rientrati in gara nella seconda tappa dopo essersi fermati per noie meccaniche sulla prima.

Il secondo raggruppamento, vede prime le due Porsche 911 di Lombardo e Salvini, mentre terzo è l’inglese James Potter, con Caroline McCormack, su una meno potente Ford Escort RS 1800. Questa classifica rispecchia quella che era al termine della prima tappa, con quarti gli inglesi Ernie e Karen Graham (Ford Escort RS), presenza costante e piacevole negli anni all’Elba.

Nel terzo raggruppamento, ritirato l’austriaco Karl Wagner, per rottura del cambio alla sua gialla Porsche 911 SC dopo l’arrivo della prima tappa (sino ad allora il meglio piazzato degli stranieri nella classifica top ten assoluta) è stato proprio Natale Mannino a prevalere, davanti all’austriaco Georg Reitsperger con al fianco Lana Sutlovic, con una VolksWagen Golf GTi, terzi sono giunti Siegfried e Renate Mayr, su Volvo 244 GL. 

Nel quarto raggruppamento, con Riolo ritirato quando era al comando e con anche il senese di Montalcino Valter Pierangioli non ripartito per la seconda tappa causa problemi di pressione olio alla sua Ford Sierra Cosworth, la vittoria è stata per lo svizzero Erwin Keller, con la BMW M3, costantemente nelle posizioni di vertice con una prestazione estremamente regolare e prova di errori. La seconda posizione sino all’ultimo era per il sardo Sergio Farris (Porsche), sempre competitivo ad ogni appuntamento con il cronometro, poi affondato in classifica sino al quinto posto a causa di un problema al piantone di sterzo. La seconda moneta l’ha quindi fatta sua il finlandese Mats Myrsell, su una Ford Sierra Cosworth pure lui e con la stessa vettura ha chiuso sul gradino più basso del podio l’ungherese Erdi Jr, autore di un esaltante rush finale, con le ultime due “piesse” nelle quali ha siglato il miglior tempo assoluto. 

Grandi prestazioni, inserito però solo nella parte riservata al “tricolore”, per il lucchese Giovanni Mori, al suo debutto sulle strade elbane con la BMW M3 autopreparata, protagonista di primo piano nella top ten appunto della corsa CIRAS oltre che di raggruppamento. Sua la cristallina sesta posizione finale nella classifica appunto riservata al campionato Italiano.

Dopo il ritiro di ieri per noie alla trasmissione, è rientrato poi nella seconda tappa il valtellinese Lucio Da Zanche il quale, con la sua Porsche 911 RS del secondo raggruppamento, si è sempre espresso su riscontri cronometrici di alto livello, a conferma del suo valore e del notevole feeling con le strade elbane, che lo hanno visto più volte trionfare in passato. 

Spettacolo e adrenalina assicurati, poi, con il Trofeo A112 Abarth che come consuetudine ogni tappa al Rallye Elba, anche quest’anno sono stati due rallies distinti. Entrambe le giornate sono state una copia carbone, con la doppia vittoria per l’aretino Ivo Droandi, in coppia con Fornasiero.

Il Rallye Elba Storico targato duemilaventidue saluta la stagione agonistica con dati significativi, oltre al record di adesioni:  14 le Nazioni diverse rappresentate, confermando il rallye ideale strumento di immagine per il territorio in un respiro internazionale. Sono stati poi 31, gli elbani al via, tra equipaggi completi e singoli a conferma dell’amore del tessuto sportivo locale per la competizione (sotto la bandiera a scacchi i migliori sono stati poi Marco Galullo e Simona Calandriello, Peugeot 205 GTi, sfiorando la top ten assoluta nella classifica “tricolore”) ed infine, tantissime le presenze registrate al seguito dell’evento tra addetti ai lavori ed appassionati, una splendida cornice all’evento ed anche un sostegno notevole all’indotto “incoming” isolano. 


FOTO:  Lombardo-Consiglio, vincitori della gara (Foto AmicoRally)


www.rallyelbastorico.net


#RallyeElbaStorico2022 #TrofeoLocmanItaly #Locman #ElbaGraffiti #AciLivorno #AciLivornoSport #FIAHSRC #CIRAS  #autostoriche #rallystorici #rally #motorsport #elba #isoladelba #italy #mare #sea #elbaisland #toscana #island #sky #travel #tuscany #italia 


venerdì 23 settembre 2022

XXXIV RALLYE ELBA STORICO – TROFEO LOCMAN ITALY: LA PRIMA TAPPA IN MANO A LOMBARDO-CONSIGLIO (PORSCHE)

                I primi cinque impegni competitivi hanno già delineato i diversi equilibri, promettendo una seconda tappa di grande effetto. 

Per le prime due prove, aveva comandato la classifica il locale Bettini, 
poi fermatosi per uscita di strada durante la terza prova. 

Ai posti d’onore assoluti della prima tappa hanno finito il senese Salvini (Porsche) 
ed il siciliano Riolo (Subaru), mentre si è fermato, tradito dal motore della sua Delta integrale, l’altro attesissimo elbano Andrea Volpi.

Domani altre cinque prove speciali, con arrivo finale alle 16,40.


Capoliveri (Isola d’Elba-Livorno), 23 settembre 2022 – Dalla prima serata di ieri, con il classico “aperitivo” della prova speciale di Capoliveri, il XXXIV Rallye Elba Storico – Trofeo Locman Italy, ha dato il via alle sfide per quella che è l’ottava prova del cammino 2022 del FIA European Historic Rally Championship e settimo degli otto appuntamenti del Campionato Italiano Rally Auto Storiche (CIRAS), offrendo anche il Trofeo A 112 Abarth e la “Regolarità” in due sfide distinte.

Grande enfasi e grande attesa per l’edizione dei record, che sulla strada si è tradotto in un grande spettacolo “sonoro” ed anche agonistico, proseguito con la giornata odierna, con la quale ha preso in consegna la classifica il siciliano di Cefalù Angelo Lombardo, in coppia con Roberto Consiglio, con la rossa Porsche 911 RS.




Le prime due prove avevano parlato “elbano” con il deciso attacco di Francesco Bettini e Luca Acri, sulla affascinante Lancia Delta Integrale “griffata” Martini, ricordando con emozione i fasti di un tempo della storica vettura di Chivasso. Rientrante allo “storico” dopo due anni stop, l’equipaggio di Portoferraio aveva cercato immediatamente l’allungo, per poi dover alzare bandiera bianca poco dopo il via della terza prova “Colle Palombaia” per uscita di strada. 

A quel punto, Lombardo, che si era lanciato all’inseguimento di Bettini, ha preso in mano le redini del gioco, certamente con decisione ed anche lucidità, visto che a sua volta è stato tallonato per l’intera restante porzione di tappa da diversi, ben forniti ed agguerriti.

Alla fine, la seconda posizione è andata, per questa prima tappa, nelle mani del senese Alberto Salvini e la sua verde Porsche 911 RS, condivisa con Tagliaferri, dopo un acceso dualismo con il siciliano Totò Riolo, in coppia con Floris sulla Subaru Legacy. Dopo un avvio per prendere le misure, Salvini ha finito in progressione, poi sopravanzato da Riolo dalla quarta prova, per poi reagire in concreto sulla prova finale, i 22 chilometri e poco più della “Due Mari”, dove l’eclettico driver di Cerda dalla quarta prova ha particolarmente sofferto.


Nel primo raggruppamento è rimasto solo in gara il finlandese Jari Hyvarinen con la Volvo 122, essendosi fermati anzitempo gli altri due della categoria, Antonio Parisi (PS 2) e Carlo Fiorito (PS 5), quest’ultimo mentre era al comando con 6”1.

Il secondo raggruppamento, vede prime le due Porsche 911 di Lombardo e Salvini, mentre terzo è l’inglese James Potter, con Caroline McCormack, su una meno potente Ford Escort RS 1800.

Il terzo raggruppamento è una lotta ravvicinata tra l’austriaco Karl Wagner (il meglio piazzato degli stranieri nella classifica top ten assoluta) e la sua gialla Porsche 911 SC, con soli 2”6 sulla pari vettura del palermitano Natale Mannino, con terzo l’altro Austriaco Georg Reitsperger, lontano di oltre 4’ dal vertice con la sua VolksWagen Golf GTI

Quarto raggruppamento in mano ampiamente a Riolo, con secondo il senese di Montalcino Valter Pierangioli con la Ford Sierra Cosworth e terzo è invece lo svizzero Erwin Keller, con la BMW M3. Quarto è il sardo Sergio Farris (Porsche), limitato da problemi di assetto. Grandi prestazioni, inserito però solo nella parte riservata al “tricolore”, per il lucchese Giovanni Mori, al suo debutto sulle strade elbane con la BMW M3 autopreparata, protagonista di primo piano nella top ten appunto della corsa CIRAS oltre che di raggruppamento.

Tante le storie sfortunate di questa prima parte di gara: si è fermato, quanto era quarto assoluto, l’altro attesissimo Andrea Volpi, per rottura del motore della sua Lanca Delta, poi anche Lucio Da Zanche (Trasmissione) , Antonio Parisi (guasto meccanico), il friulano Paolo Pasutti (Porsche, per rottura della cinghia della pompa iniezione), Massimo Giudicelli (frizione), l’inglese Will Graham (Ford Escort RS, rottura), per rottura meccanica, Stefano Montauti (Peugeot 205) ed anche il veneto Matteo Luise (Fiat Ritmo 130 Abarth) ha sofferto nel finale, pure lui per problemi di trasmissione. Infine, anche il livornese Riccardo Mariotti ha gettato la spugna, anche lui tradito dal cambio della Ford Sierra Cosworth.

Spettacolo e adrenalina assicurati, poi, con il Trofeo A112 Abarth che come consuetudine ogni tappa al Rallye Elba è un rally a sé stante. La loro prima gara, ai vertici ha visto l’aretino Ivo Droandi, in coppia con Fornasiero, davanti al conterraneo Francesco Mearini, con Acciai alle note, e terzo Maurizio Chochis e Milva Manganone.

Oggi si sono avviate pure le sfide nella “Regolarità a media del celebre “Graffiti”, e nella “regolarità sport” i due appuntamenti immancabili all’Elba. 

Domani la giornata conclusiva: altre cinque “piesse” con il “must“ dei ventisei chilometri e oltre della celebre “Volterraio-Cavo”, certamente destinata a fare ulteriore selezione. Il totale di distanza competitiva rimasta sarà di 64,320 chilometri, la bandiera a scacchi sventolerà dalle ore 16,40.

Ben 14 le Nazioni diverse rappresentate, confermando il rallye come strumento di immagine per il territorio in un respiro internazionale. Sono poi 31, gli elbani al via, tra equipaggi completi e singoli sono i primi numeri importanti oltre al successo di adesioni. Tantissime le presenze al seguito dell’evento tra addetti ai lavori ed appassionati, hanno fatto da splendida cornice all’evento. 

NELLE FOTO:  Lombardo-Consiglio, i primi in classifica al termine della prima tappa, e Bettini-Acri, leader sino alla terza prova (foto AmicoRally)


#RallyeElbaStorico2022 #TrofeoLocmanItaly #Locman #ElbaGraffiti #AciLivorno #AciLivornoSport #FIAHSRC #CIRAS  #autostoriche #rallystorici #rally #motorsport #elba #isoladelba #italy #mare #sea #elbaisland #toscana #island #sky #travel #tuscany #italia 


FACEBOOK  www.facebook.com/RallyeElba
INSTAGRAM www.instagram.com/rallyeelba
TIK TOK @rallyeelba



giovedì 22 settembre 2022

Il 7° Rally Colline Metallifere e Val di Cornia è pronto: da oggi iscrizioni aperte

Lo scambio di data con il “fratello maggiore” Trofeo Maremma, svolto in primavera, vede la gara tornare con soddisfazione a Piombino, di nuovo fulcro dell’evento dopo i due anni trascorsi con le difficoltà dell’emergenza sanitaria.

Un percorso di alto livello in ampia parte rivisto, la conferma delle auto storiche che avranno l’appuntamento finale del Trofeo di 3^ zona (partendo quindi per prime), saranno i caratteri forti dell’evento organizzato dalla MaremmaCorse 2.0.

Riconfermato il Memorial Leonardo Tucci, giunto alla quinta edizione.

Piombino (Livorno), 22 settembre 2022  – Tutto già pronto, per il 7° Rally delle Colline Metallifere e della Val di Cornia, in programma per il 22 e 23 ottobre, in una collocazione temporale diversa dal consueto, avendo scambiato la propria data con il “fratello maggiore”, il Trofeo Maremma, svoltosi in primavera. Da oggi, sino al 12 ottobre sono aperte le iscrizioni, si entra dunque nel vivo, la competizione organizzata da MaremmaCorse 2.0.

Per il quinto anno la gara farà base a Piombino, dove è stata trovata di nuovo ampia accoglienza sia dall’Amministrazione Comunale come pure dagli operatori economici, avendola appunto interpretata come ottimo veicolo per l’immagine della città e del suo hinterland ed evidentemente come volano per l’indotto turistico-ricettivo. Si torna in centro della città portuale, come partenza ed arrivo, in Corso Italia ed il percorso, ricavato dal recente passato e dalla storia del rallismo toscano e nazionale, verte su otto prove speciali in totale, una sfida che si avrà in due giorni.


Sport e promozione del territorio le fondamenta dell’organizzazione nel pensare la gara, che quest’anno conferma la presenza delle vetture storiche, il 2° Valdicornia Historic Rally, che sarà la prova finale del Trofeo Rally di 3^ Zona (TRZ), per cui proprio proprio esse apriranno le partenze del rally.

IL PROGRAMMA
Al sabato, 22 ottobre, dopo la partenza, alle ore 19,01, si disputeranno due prove speciali in notturna, con il fascino dei fasci di luce che tagliano l’oscurità. Vi sarà la sfida di “Campiglia”, un aperitivo di 4,750 Km. e successivamente l’attenzione si sposterà sulla “Super Prova Speciale” di Piombino, sulla strada che conduce al porto, dove lo spettacolo la farà da padrone in un tracciato di 1,600 Km, breve ma insidioso.

Dopo le prime schermaglie i concorrenti entreranno nel riordinamento notturno sempre in Corso Italia, per uscirne l’indomani, domenica 23 per affrontare la restante parte del rally. Attenderà i concorrenti un ambo di prove da ripetere tre volte, strade che appartengono alla storia del rallismo nazionale, come “Sassetta” (Km. 11,400, la più lunga) e “Monteverdi” (Km. 6,930). La prima, definita “l’Università della curva”, verrà fatta percorrere in senso contrario allo scorso anno, quindi ma Suvereto verso Sassetta ed anche l’altra sarà al contrario e dal passaggio dentro il paese impiegherà poi un tratto mai fatto se non in occasione di altre gare nel passato. Seguirà l’arrivo, dalle ore 17,31, con premiazione sul palco, certamente abbracciati dal pubblico delle grandi occasioni, in centro città a Piombino. 

In centro a Venturina saranno organizzati i riordinamenti del sabato tra le due prove da disputare ed alla domenica, mentre il Parco di Assistenza sarà nel parcheggio di Cala Moresca sede anche del quartier generale della gara.

I comuni coinvolti al fianco dell’organizzazione, oltre a Piombino, sono quelli dell’intera area della Val di Cornia: Campiglia Marittima, Monteverdi, Sassetta e Suvereto. 

IL “MEMORIAL LEONARDO TUCCI”
La gara sarà di nuovo intitolata a Leonardo Tucci, il driver originario della bassa provincia livornese, prematuramente scomparso nel 2012, uno sportivo di alto livello e carisma, il cui ricordo è ancor oggi molto forte. Sarà la quarta edizione del “memorial” a lui dedicato.

L’edizione del 2021 vide la vittoria dei biellesi Pinzano-Zegna (nella foto, sopra, di Bonaluce) , su una Skoda Fabia R5, davanti agli svizzeri Burri-Cler (VolksWagen Polo R5) e terzi Arzà-Castiglioni, con una Citroen C3 R5.

#Rally  #RallyCollineMetallifere2022  #Valdicornia  #CollineMetallifere  #Piombino  #CampigliaMarittima #Monteverdi #Sassetta #Suvereto


martedì 20 settembre 2022

IL 43. RALLY “CITTA’ DI PISTOIA” PRESENTA LE SFIDE.


ISCRIZIONI PROROGATE

La gara della Pistoia Corse, ultima prova ultima prova della stagione, ha le iscrizioni prorogate sino al 24 settembre per le vetture “moderne” e sino al 26 per le “storiche” e “All Stars”.

Grande attesa per gli ultimi duelli della Coppa di Zona e soprattutto per l’arrivo del prestigioso trofeo monomarca GR Yaris Rally Cup, in sostituzione del Rally a Modena.

Si torna a partire ed arrivare con entusiasmo in centro città, prevedendo anche il riordino notturno tra le due giornate di gara in Piazza Duomo, ma il piatto forte sarà anche il percorso, che rispecchia il passato, con qualche rivisitazione, strutturato su tre diverse prove speciali da correre due volte.


Pistoia, 20 settembre 2022 – Saranno le sfide finali della Coppa Rally di VI zona, le tre prove speciali disegnate per il 43. Rally Città di Pistoia, in programma per l’1-2 ottobre, prova di chiusura della stagione della Coppa di VI zona, un rush finale spettacolare che verrà avvalorato dalla presenza della prestigiosa GR Yaris Rally Cup, il monomarca di casa Toyota che frequenta i palcoscenici rallistici più “nobili” in Italia.

Sarà dunque una grande festa, per questa gara da sempre ritenuta una delle più avvincenti in Toscana e non solo, la quale sarà anche l’ultimo atto del Campionato Sociale ACI Pistoia-Memorial Roberto Misseri e valida pure per l’R-Italian Trophy,  per la Michelin Zone Rally Cup, per il Trofeo Pirelli Accademia e per il Peugeot Rally Regional Club.

Le iscrizioni, alla gara organizzata da Pistoia Corse con Aci Pistoia, saranno possibili sino al 24 settembre per le vetture “moderne” e sino al 26 per le “storiche” e “All Stars”, avendo ricevuto assenso federale per la proroga.

TRE PROVE DIVERSE IN DUE GIORNI DI GARA

Il programma, sotto l’aspetto sportivo, prevede tre diverse prove speciali da ripetere tutte due volte, in un percorso ispirato alla tradizione, quest’anno con qualche modifica. La competizione avvierà sabato 01 ottobre con partenza dalle 17,30 e la successiva disputa di due passaggi sulla prova speciale “Arcigliano” (Km 13,190), che è la versione completa della prova speciale “Gello”, proposta nella versione antioraria. Il resto della competizione sarà poi alla domenica 02 ottobre, con la disputa di altri due tratti competitivi, da correre due volte. La “San Baronto” (Km 6,460), prova speciale di “Berso” (Km 14,940) è la più lunga del rally.

Ecco la descrizione delle singole prove speciali: 

P.S. 1-2 “ARCIGLIANO” - km 13,190

La prima prova speciale dell’edizione 2022, la “Arcigliano” - da ripetere due volte sabato 01  ottobre - è la versione completa della prova speciale “Gello”, ovvero una delle prove speciali che componevano lo scheletro “Pistoia” fino a qualche anno fa, proposta nella versione antioraria. La prova prende il nome dalla frazione che accoglie la partenza, dove si inizia con uno strappo di circa 650 metri in salita su fondo regolare, seguito da 1,5 km di falsopiano che porta all’inversione nella frazione di Sarripoli, per poi arrampicarsi fino al punto più alto che corrisponde al punto più veloce della prova. Da qui inizia la discesa che accompagna gli equipaggi sino alla fine della prova. Tutta la prova ha un percorso tecnico e selettivo con un fondo molto variegato, carreggiata stretta nella prima e nell’ultima parte dell’impegno, ma più larga nel tratto centrale (dove spesso si fa la differenza).  E’ una prova che tende a “sporcarsi” facilmente in alcuni punti rendendoli più insidiosi di quanto già siano, aumentando l’importanza dell’incognita del meteo che solitamente al “Pistoia” ha un ruolo di primo piano.

P.S. 3-5 “SAN BARONTO” - km 6,460

Tornata dall’edizione 2021 della gara, la prova speciale “San Baronto” si presenta alleggerita dell’ultimo tratto che portava fino alla frazione di Mungherino (400 mt), per esaltare ancora di più la parte larga e veloce che nel tempo l’ha resa la prova ideale per sprigionare tutti i cavalli delle auto da rally. Inizio prova sulla SP9 appena fuori dall’abitato di Casalguidi, con sede stradale larga e fondo regolare, una vera per più di 5 km fino all’inversione con via dei Nardini, dove inizia la parte stretta, recentemente asfaltata, che accompagna gli equipaggi nell’ultimo chilometro contro il tempo.

P.S. 4-6 “BERSO” - km 14,940

La prova speciale “Berso” è la più lunga del rally ed è caratterizzata da un tracciato molto vario, suddiviso in ⅓ di salita e ⅔ di discesa. Reintrodotta dall’edizione 2021, è stata decisiva per i risultati finali assoluti e per le lotte nelle varie classi. Nei suoi quasi 15 km racchiude una prima parte con sede stradale stretta a formare un misto scorrevole, che sfocia nel breve tratto di strada provinciale più larga e veloce fino al cambio strada in direzione Casore del Monte: da qui inizia la prima parte di discesa con pendenza leggera e regolare, in cui tratti di veloce rettilineo si alternano a curve ad ampio raggio. Il celebre bivio di Casore del Monte, vero e proprio luogo “di culto”, inaugura la parte di discesa più impegnativa e ritmata, situazione resa ancor più complessa dal fondo in gran parte scivoloso in ogni condizione atmosferica.

IL RITORNO IN CENTRO

Dopo due anni a causa dell’emergenza sanitaria, la competizione tornerà a farsi abbracciare dal centro città, con la partenza ed arrivo in Piazza Gavinana. L’ultimo anno in cui si poterono incontrare le bellezze del centro storico, con il classico “bagno di folla” fu il 2019, sia nel 2020 che l’anno passato non fu possibile per via dell’emergenza sanitaria. Tornerà poi riordinamento notturno tra il sabato e la domenica, allestito di nuovo in Piazza del Duomo, il salotto buono di Pistoia.

CONFERMATE LE VETTURE STORICHE

Oltre alla gara “moderna” vi sarà il 4° appuntamento del “Pistoia” riservato alle vetture storiche ed al seguito anche la manifestazione “All Stars”, nella quale non vi è contenuto agonistico, in quanto le vetture, solitamente modelli che hanno contribuito a fare la storia della produzione automobilistica mondiale, partecipano a scopo dimostrativo e rievocativo, quindi senza rilevamento di tempi e stesura di classiche, dunque vera e propria passerella.

LE ISTITUZIONI AL FIANCO DELL’EVENTO

E’ una sinergia forte ed importante, quello che l’organizzazione del Rally Città di Pistoia sta conoscendo con l’Amministrazione Comunale di Pistoia, con la Provincia anche, le quali hanno riconosciuto la valenza dell’evento, in grado di identificare un territorio che appunto con il Rally Città di Pistoia trova il proprio ambasciatore nel mondo del motorsport. Significativo anche l’appoggio delle Amministrazioni Comunali di Lamporecchio, Marliana, Quarrata e Serravalle Pistoiese, nei cui territori si svilupperà il percorso.

Sotto l’aspetto logistico il “quartier generale” della gara sarà nella zona industriale di “Sant’Agostino”, alla concessionaria del gruppo Stellantis “Brandini”, lo “Shakedown”, il test con le vetture da gara, è previsto mattina di sabato a Quarrata, su un tratto di strada già utilizzato in passato. 


PROGRAMMA DI GARA

Ricognizioni  autorizzate  con vetture  di serie:    

sabato 24/09/2022 ore 09:00  - 13:00 e 15:00 - 18:00

venerdì 30/09/2022  ore 15:00 - 18:00 20:00 - 22:00

Distribuzione road book:

sabato 24/09/2022 ore 08:30 - 15:00

venerdì 30/09/2022 ore 15:00 - 19:00

c/o Concessionaria AUTOEUR BRANDINI - Via E. Fermi, 53 – Pistoia (Zona Ind.le S. Agostino).

Distribuzione targhe e numeri di gara: ai Referenti dei Team c/o Centro Accrediti:

Venerdì 30/09/2022 ore 15:00 - 19:00 

Sabato 01/10/2022 ore 09:00 - 11:00 

c/o Concessionaria AUTOEUR BRANDINI - Via E. Fermi, 53 – Pistoia (Zona Ind.le S. Agostino).

Verifiche sportive: online

Verifiche Tecniche: c/o Concessionaria FIAT BRANDINI - Via N. Copernico, 123 - Pistoia (Zona Ind.le S. Agostino)

iscritti allo shakedown sabato 01/10/2022 ore 09:00 - 10:30 

tutti gli altri sabato 01/10/2022 ore 10:31 12:30

Partenza 1° Concorrente: sabato 01/10/2022 ore 17:30 Piazza Gavinana - Pistoia (PT) 

Arrivo 1° Concorrente: domenica 02/10/2022 ore 16:15 Piazza Gavinana - Pistoia (PT)


#RallyPistoia2022 #Pistoiacorse #AciPistoia #rally #motorsport #CoppaRallyZona #VIzona  #TrofeoRallyToscano #GRYarisRallyCup

NELLA FOTO, SOPRA: uno scorcio di Piazza Duomo a Pistoia, che tornerà ad essere sede del riordino notturno dopo due anni di assenza (foto IMAGO)

PAVEL GROUP NELLA TOP TEN AL RALLY “VALLE IMAGNA”: KEVIN CODENOTTI DI NUOVO AI VERTICI

Nuova soddisfazione per giovane bresciano con la Skoda Fabia, affiancato da Edoardo Brovelli, finito decimo assoluto e terzo degli under 25. 

Serravalle Pistoiese (Pistoia), 20 settembre 2022 – Una nuova top ten centrata da Pavel Group nel fine settimana appena passato, nel contesto del Rally Valle Imagna, a Sant’Omobono Terme, provincia di Bergamo.

La squadra pistoiese era al via con una Skoda Fabia R5 predisposta di nuovo per il giovane lombardo Kevin Codenotti, alla sua seconda esperienza con la vettura dopo la solare performance del “1000 Miglia” dello scorso mese. 

Affiancato di nuovo da Edoardo Brovelli, Codenotti ha prodotto una interessante decima piazza assoluta, terzo nella categoria “under 25”, ideale prosieguo della prestazione in terra bresciana, in un crescendo di prestazioni alla guida della Fabia, con la quale sta arrivando un feeling importante.

 “Seconda gara della mia vita  - dice Codenotti - e Top ten conquistata in mezzo a piloti con molta esperienza e sicuramente di un livello alto. Sono contento innanzitutto perché credo di ave compiuto un grande salto in confronto alla mia prima gara al 1000 miglia, sappiamo bene che abbiamo ancora molto molto margine di miglioramento, e sicuramente a testa bassa voglio arrivarci.  Mi sono divertito un mondo su queste strade, con questa macchina che è stata sempre un sogno per me,  ci tengo a ringraziare tutte le persone che fanno parte di questo mio percorso, perché ognuno è davvero importante.  Parto dal grande Edoardo Brovelli, grande copilota che con la sua esperienza e professionalità mi guida ogni chilometro di prova e mi aiuta a crescere davvero. Penso che una persona migliore non la potevo chiedere. Un grazie a Pavel Group per la grande auto che ci ha fornito e per il clima di famiglia che ha all’interno, oltre che alla professionalità e passione nel loro lavoro. Un grazie anche alla mia famiglia ed alla mia fidanzata un supporto inimmaginabile, un grazie anche ai partner che mi supportano ed ai tanti che ci hanno fatto sentire il loro calore lungo le prove speciali!”.

Foto: Codenotti in azione




TORNA, DOPO 17 ANNI, IL RALLY GOLFO DELL’ASINARA

Dal 2005 la gara aveva interrotto la propria storia, rispolverata quest’anno dall’Automobile Club Sassari.

Partenza dalla storica sede di Castelsardo, arrivo ad Alghero e otto prove speciali interamente su asfalto, saranno i punti cardine dell’edizione “del ritorno”, che prevede, oltre al rally “moderno”, quello “storico” e la “regolarità sport”.

Previste importanti agevolazioni per i concorrenti che dalla Penisola vorranno accettare la sfida 

proposta nel nord della Sardegna, una location affascinante anche in autunno.

La gara è aperta alla partecipazione straniera e gode del supporto dell’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna.


Sassari, 20 settembre 2022

Un gradito ritorno. È questo, il commento venuto a mente a addetti ai lavori, piloti e anche appassionati, alla notizia che torna il Rally Golfo dell’Asinara.

La data da ricordare è quella del 28-30 ottobre, da segnare in agenda, perché sarà quella in cui, dopo ben 17 anni, torneranno ad accendersi i motori per la  27ª edizione di una delle gare più iconiche della Sardegna e non solo, competizione che ha scritto pagine di grande storia sportiva. Una tradizione che ACI Sassari vuole proseguire con forza e passione, cercando nuovi orizzonti con questo evento di rilevanza nazionale, con il quale si vuole dare un forte contributo alle corse su strada a livello regionale e italiano. E massimizzare la ricaduta economica sul territorio nel periodo finale della stagione turistica in una perfetta sinergia tra la manifestazione e la Rete Metropolitana del Nord Sardegna.

Il Rally Internazionale Golfo dell’Asinara gode del patrocinio e del forte sostegno dell’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna e già per l’edizione “del ritorno” è evento “ENPEA”, quindi aperto pure alla partecipazione straniera e valido per il Campionato Regionale di Rally. Significativo anche l’apporto del main sponsor TESTONI LUBRIFICANTI.

La gara ha avuto come punto di forza per tutte le sue 26 edizioni disputate, la capacità di coniugare le bellezze del territorio del Nord-Ovest sardo con la difficoltà tecnica delle sue Prove Speciali, ancora oggi utilizzate dal Campionato del Mondo Rally. Nata nel 1979, in pochi anni la gara conobbe una forte ascesa, nel 1985 entrò a far parte del Campionato Italiano Rally e da allora ha sempre segnato momenti importanti per il rallismo italiano.

UNA GARA, TRE GARE

L’offerta “sportiva” della gara è divisa in tre: “Rally moderno”, “Rally storico” e “Regolarità Sport”. Partenza dalla originaria sede di Castelsardo, arrivo ad Alghero e otto prove speciali interamente su asfalto in due giorni di sfide, saranno i punti cardine dell’edizione “del ritorno”.

IL PROGRAMMA

La gara sventolerà la bandiera di partenza alle 13:30 di sabato 29 ottobre da Castelsardo, con gli equipaggi subito impegnati nelle prime due prove speciali di “Osilo” e “San Lorenzo” passando per Valledoria. Attraversando Sennori, le vetture giungeranno quindi al riordino di Sorso, seguito dal Parco Assistenza di Porto Torres. Dopo un ulteriore passaggio al tramonto sulle prove, gli equipaggi termineranno la tappa con l’arrivo a Sassari, previsto per le ore 21:00.

Domenica 30 ottobre sarà la volta delle prove di “Canaglia” e “La Pedraia” da ripetere due volte, intervallate dal Parco Assistenza di Porto Torres e dal riordino di Stintino. Arrivo e cerimonia di premiazione si terranno quindi ad Alghero a partire dalle ore 15:00.

Il totale della distanza competitiva sarà di 56,740 chilometri sui 418,100 totali.

L’ultima edizione disputata, quella del 24 e 25 giugno del 2005, venne vinta dal compianto Giuseppe “Pucci” Grossi, in coppia con Alessandro Pavesi. È lui, il recordman, con sei allori, e quell’ultima edizione vide comunque tanta Sardegna ben rappresentata sul podio, con due copiloti, Carlo Pisano (secondo al fianco di Federico Martelli) e Maurizio Diomedi, terzo alle note di Giovanni Manfrinato.

LE AGEVOLAZIONI PER CHI ARRIVA DAL CONTINENTE

Trasporti Navali Grimaldi Lines: 

Linee Livorno – Olbia | Civitavecchia – Porto Torres | Barcellona – Porto Torres

PASSEGGERI 

30% di sconto, diritti fissi esclusi, per l’acquisto dei collegamenti marittimi.

MERCI

Le prenotazioni dei mezzi commerciali possono essere inoltrate con mail a bilardi.elena@grimaldisardegna.it .
La richiesta dovrà portare la data richiesta, la tipologia di veicolo, i metri lineari e la targa del mezzo.
COME PRENOTARE

La prenotazione dei passeggeri con veicoli a seguito può essere effettuata:

- Online nel sito www.grimaldi-lines.com inserendo nell’apposito campo il codice sconto che verrà inviato previa compilazione del form disponibile a questo link;

- Contattando il Call center al numero 081496444 o inviando una mail ad info@grimaldi.napoli.it indicando convenzione e codice sconto;

- Recandosi presso i punti vendita Grimaldi Tours di Napoli, Roma, Palermo e Cagliari oppure presso le biglietterie portuali Grimaldi Lines di Civitavecchia, Livorno, Olbia e Porto Torres indicando convenzione e codice sconto.

Trasporti Navali Tirrenia: 

Linea Genova – Porto Torres

PASSEGGERI

Da Genova per Porto Torres: dal 25 al 27 Ottobre 2022
 

Da Porto Torres per Genova: dal 30 ottobre al 01 novembre 2022

Sconto del 10% sulla tariffa ordinaria disponibile al momento della prenotazione, applicabile a n. 2 passeggeri 
iscritti alla manifestazione ed ai relativi veicoli (auto o furgone lunghezza  fino a 6 metri, idem per carrello).

Detti sconti saranno praticati ai veicoli e al passaggio degli iscritti (come sopraindicato) su presentazione della
credenziale, completa del timbro e del numero progressivo rilasciato dalla segreteria dell’AUTOMOBILE CLUB SASSARI al momento delle iscrizioni. Per ottenere la credenziale da compilare e il relativo numero progressivo è necessario inviare mail a logistica@rallygolfodellasinara.com fornendo il nominativo del primo conduttore.

IMPORTANTE: Le prenotazioni e i biglietti potranno essere richiesti via e-mail.
Per poter accedere alle agevolazioni, gli iscritti dovranno inviare la credenziale completa in tutte le sue parti ad uno dei seguenti indirizzi e-mail: moby.milano@moby.it; moby.firenze@moby.it; moby.bologna@moby.it; moby.portoferraio@moby.it

MERCI

Le richieste di prenotazioni di mezzi speciali (motrici, bisarche, carroattrezzi, furgoni con lungh. sup ai 6 m.) dovranno essere inviate alla mail infomerci@moby.it  con cc a.pala@tirrenia.it, specificando la partecipazione al Rally Golfo dell’Asinara.

UNA GARA, TRE GARE

L’offerta “sportiva” della gara è divisa in tre: “moderna”, storica” e “Regolarità Sport”. Partenza dalla storica sede di Castelsardo, arrivo ad Alghero ed otto prove speciali interamente su asfalto in due giorni di sfide, saranno i punti cardine dell’edizione “del ritorno”.

IL PROGRAMMA

La gara sventolerà la bandiera di partenza alle 13:30 di Sabato 29 ottobre da Castelsardo, con gli equipaggi subito impegnati nelle prime due prove speciali di “Osilo” e “San Lorenzo” passando per Valledoria. Attraversando Sennori le vetture giungeranno quindi al riordino di Sorso, seguito dal Parco Assistenza di Porto Torres. Dopo un ulteriore passaggio al tramonto sulle prove, gli equipaggi termineranno la tappa con l’arrivo a Sassari, previsto per le ore 21:00.

Domenica 30 ottobre sarà la volta delle prove di “Canaglia” e “La Pedraia” da ripetere due volte, intervallate dal Parco Assistenza di Porto Torres e dal riordino di Stintino. Arrivo e cerimonia di premiazione si terranno quindi ad Alghero a partire dalle ore 15:00.

Il totale della distanza competitiva sarà di 56,740 chilometri sui 418,100 totali.

L’ultima edizione disputata, il 24 e 25 giugno del 2005, venne vinta dal compianto Giuseppe “Pucci” Grossi, in coppia con Alessandro Pavesi. E’ lui, il recordman, con sei allori, e quell’ultima edizione vide comunque tanta Sardegna ben rappresentata sul podio, con due copiloti, Carlo Pisano (secondo al fianco di Federico Martelli) e Maurizio Diomedi, terzo leggendo le note a Giovanni Manfrinato. 

Nella foto: il podio dell’ultima edizione disputata

#RallyGolfodellAsinara2022 #Osilo #SanLorenzo #Canaglia  #LaPedraia #ACISassari #autostoriche #rallystorici #rally #motorsport #sardegna #italy #mare #sea #sardinia #travel #italia #rallyasinara #aci #acisport #acsassari #delegazionesardegna #asinara 

https://rallygolfodellasinara.com



ANDREA VOLPI ATTESO “IN CASA”

CON LA LANCIA DELTA IN CERCA DI NUOVA GLORIA 

Impegnato nella stagione anche con le vetture “moderne”, il driver di Portoferraio torna nella gara “di casa” di nuovo al voltante della Lancia Delta Integrale della Jolly Autosport andando alla ricerca di un nuovo podio, con al fianco il fido Michele Maffoni.

20 settembre 2022


Di nuovo la Lancia Delta Integrale 16V firmata Jolly Autosport, scuderia ProRacing, Michele Maffoni al fianco, numero di gara 32. Questi, per Andrea Volpi, i presupposti per il fine settimana che sta arrivando, quello dell’attesissimo Rallye Elba Storico-Trofeo Locman Italy, 34^ edizione di una delle gare più affascinanti in Europa per quanto riguarda le auto storiche. Gara per lui e per Maffoni che è quella “di casa”.

Una gara che lo ha sempre visto tra i grandi protagonisti, diventando nel tempo un riferimento per tutti e che lo scorso anno, con la stessa vettura lo vide salire al secondo posto assoluto, lottando per la vittoria sino all’ultimo.

Sarà la quarta gara dell’anno, per Volpi (che al Trofeo Maremma in primavera ha conseguito la sua prima vittoria assoluta in carriera), certamente uno degli osservati speciali sia dagli esponenti della serie continentale che della serie “tricolore”, in un contesto dove il pilota di Portoferraio incontrerà il meglio dei rallies storici sia europei che italiani, con entrambi i Campionati che hanno imboccato il rush finale, quindi ancora molto accesi in tutte le categorie.

Un impegno delicato, come consuetudine, sia sotto l’aspetto sportivo che soprattutto sotto quello emozionale, per un elbano, correre sulle strade amiche e davanti al “suo” pubblico, sempre caldo ed esigente, è sempre un impegno importante, da non disattendere. L’obiettivo di Volpi e Maffoni è ovviamente quello di cercare un nuovo podio, o comunque il risultato d’effetto contro i migliori specialisti della stagione, sfruttando il feeling da ritrovare velocemente con la Delta che gli verrà affidata, proprio la stessa che nel 2021 condusse al secondo posto nella generale ed al successo nel 4. raggruppamento.

IL COMMENTO DI ANDREA VOLPI: “Ritroviamo la stessa vettura dell’anno scorso, che ci assicurò il secondo posto assoluto. Sarebbe una magnifica suggestione ripetersi, ma non sarà facile, quest’anno mi pare che il plateau di pretendenti al podio sia assoluto che di quarto raggruppamento sia più ampio e soprattutto assai più qualificato. Si, mi dicono che in molti staranno a guardare le mie mosse ed io dico che guarderò le loro, per imparare, anzitutto, oltre che confrontarmi con gradi piloti. Ce la vogliamo giocare, la gara come al solito sarà lunga, entusiasmante, di sicuro la nostra Delta sarà all’altezza, cercheremo di sfruttarla al meglio! ”. 


FOTO AMICORALLY



XXXIV RALLYE ELBA STORICO – TROFEO LOCMAN ITALY: AL VIA L’EDIZIONE DEI RECORD

Il record assoluto di sempre con le adesioni prepara ad una tre giorni di competizione di alto profilo, con le sfide continentali e tricolori che infiammeranno il tracciato elbano, disegnato sulla scia di una tradizione unica al mondo.

L’elevato numero di iscritti, con ben 14 Nazioni rappresentate, ha costretto l’organizzazione a modificare 
ampia parte della logistica ed al via ci sono tutti coloro che guardano ai varii campionati.

Anche il celebre “Graffiti”, la gara riservata alla regolarità e la regolarità sport promettono momenti “caldi”.


Capoliveri (Isola d’Elba-Livorno), 20 settembre 2022 - E’ pronto al via, il XXXIV Rallye Elba Storico – Trofeo Locman Italy, il classico countdown si sta esaurendo e da giovedì sera al pomeriggio di sabato la celebre competizione elbana, da sempre perno dei campionati europeo e italiano di rallies riservati alle autostoriche, offrirà un’altra edizione di alto profilo. Il primo dato che disegna un rallye indimenticabile, che proseguirà una storia unica è il record assoluto segnato dalle 183 adesioni arrivate ad ACI Livorno Sport- organizzatore e promotore dell’evento su mandato di ACI Livorno. 

La gara è l’ottava prova del cammino 2022 del FIA European Historic Rally Championship e settimo degli otto appuntamenti del Campionato Italiano Rally Auto Storiche e sarà certamente l’evento più entusiasmante, affascinante, della stagione “historic” italiana ed internazionale.  
Altre validità, oramai “di tradizione” sono quelle per il Memory Fornaca, per il Trofeo A112 Abarth e per la Michelin Historic Rally Cup. Ad essi, XXXIV edizione del Rallye Elba Graffiti per la “Regolarità a media” e la IX Regularity Sport, per la “regolarità sport”. Per la sola “regolarità a media” si è aggiunto quest’anno la titolazione per il NORTH-CENTER HRR SLAM di cui fanno parte anche la Coppa Liburna e la Coppa Attilio Bettega. 

I MOTIVI SPORTIVI
127 iscritti al Rallye (50 al Campionato Europeo, 58 al Campionato Italiano), 19 partecipanti al Trofeo A112 Abarth, 28 per la Regolarità Sport e 28 per la Regolarità a media. Da qui si parte a raccontare quello che potrà offrire la tre giorni di gara che porterà sull’isola concorrenti di ben 14 nazioni diverse, confermando il rallye come strumento di immagine per il territorio in un respiro internazionale. In più vi è la conferma degli elbani per la “loro” gara, con ben 31 tra piloti e copiloti al via.  


Per regolamento partiranno per primi i concorrenti iscritti al Campionato Europeo, seguiti da “quelli” del “tricolore” in una rinnovata sfida dal sapore antico.
La categoria 1 del Campionato continentale non sarà molto rappresentata, in quanto il leader, l’inglese Ernie Graham praticamente ha già posto una seria ipoteca al titolo davanti ad Antonio Parisi, che invece sarà della partita con la sua Porsche 911S, così come Angelo Fiorito, quinto nella generale, con una BMW 2002 Ti. 
La categoria 2 avrà gli occhi puntati sul friulano Pietro Corredig (BMW 2002 Ti) che, assente il rivale belga Mylle, secondo in classifica per un solo punto ha possibilità di allungo, ma attenzione alla presenza del friulano Paolo Pasutti (Porsche 911 Rs), terzo in classifica, e all’inglese Will Graham, che sarà della partita con la sua Ford Escort RS 1800, pronto a piazzare la propria firma in alto. Come pure vorrà fare lo spagnolo Jesus Diez (Fort Escort RS 2000), che ha voglia di tirar su punti pesanti per insidiare i vertici, visto che adesso è soltanto al sesto posto.
In categoria 3 non ci sarà l’alessandrino “Zippo”, al secolo Andrea Zivian, che ha festeggiato il titolo al recente Rally Asturias ma ci saranno i diretti inseguitori, vale a dire il tedesco Sigfried Mayr e la sua Volvo 244 GL e l’austriaco Karl Wagner (Porsche 911 SC), un grande estimatore delle “piesse” elbane. Il tedesco è secondo e dovrà difendersi da quest’ultimo che cercherà certamente di scalzarlo per l’argento continentale.
Per la categoria 4, che peraltro aprirà le partenze con il leader della classifica, il finlandese Valle Silvasti con la sua affascinante Lancia Rally 037, si annunciano schermaglie con lo svedese Mats Myrsell (Ford Sierra Cosworth). Avrà il numero 2 sulle fiancate ed è anche al secondo posto con sei soli punti di scarto. Mancano al via il terzo ed il quarto, lo spagnolo Sainz e lo svedese Johnsen, ma ci sono l’ungherese Erdi Jr. (Ford Sierra Cosworth) ed il tedesco Geist (Opel Manta 400), il quinto ed il sesto in classifica, pronti a compiere un deciso balzo in avanti verso il podio. Da tenere d’occhio anche il Campione continentale 2018 Jensen, con la BMW M3, oltre che giunto terzo al rally Asturias, il precedente impegno della stagione.

Per tutti questi grandi interpreti della serie continentale, ci sarà da misurarsi, un vero e proprio esame, con diversi “nostri”. Si parte dal vincitore dell’anno scorso, il senese Alberto Salvini (Porsche 911 RS) per proseguire con i due acclamatissimi driver locali, Andrea Volpi (secondo assoluto lo scorso anno) e Francesco Bettini, entrambi con una Lancia Delta Integrale, rinnovando una sfida che per gli elbani è come disputare un mondiale.  Ma ci saranno altri “pezzi da novanta” del rallismo italiano, come il siciliano di Cerda “Toto” Riolo, un vero innamorato dell’Elba e già trionfatore alla gara nel recente passato, il quale si ripropone con la Subaru Legacy, poi Lucio da Zanche (Porsche 911 RS), fresco protagonista di primo piano in Friuli a fine agosto ed anche lui spesso in alto nelle classifiche del Rallye Elba Storico, poi il senese Valter Pierangioli (Ford Sierra Cosworth), oltre ai diversi “nomi” che concorreranno per il titolo “tricolore”, di cui si racconta più avanti.

UNA GRANDE TAPPA “TRICOLORE”
All’Elba le vicende del Campionato Italiano hanno sempre offerto spunti di grande discussione, di confronto ed anche quest’anno non mancheranno di proseguire la “tradizione”.
Nel primo raggruppamento i leader della classifica, Giuliano Palmieri e Lucia Zambiasi, con la Porsche 911S, avranno da guardarsi soprattutto da Parisi-D’Angelo che, come già scritto saranno con la mente pure alla serie continentale, ma a movimentare le operazioni ci saranno comunque quasi tutti coloro che seguono in classifica, vale a dire Pardi-Canale (lancia Fulvia Coupè), Pollara-Di Salvo (BMW 2002 Ti), Giuliani-Sora (Lancia Fulvia Coupè) e Gippetto-Cappello (Porsche 911 S), sicuramente in grado di farsi ispirare dalle strade elbane.

Per Angelo Lombardo, per il secondo raggruppamento “tricolore” sarà quasi una formalità, la gara elbana, dall’alto dei suoi 146 punti validi, contro i 73 del suo più diretto inseguitore, Lorenzo Delladio, affiancato da Claudia Musti anche loro su Porsche. Ciò non toglierà comunque adrenalina alla sfida, in quanto ci sarà anche Sergio Galletti, con la sua Porsche, il terzo in classifica. Ed oltre a lui anche i già nominati Corredig e Salvini certamente vorranno rimescolare le carte. 

Terzo raggruppamento con previsto il rinnovato dualismo tra il leader Beniamino Lo Presti (Porsche 911 SC) e Natale Mannino (Porsche 911 SC), con il trentino Tiziano Nerobutto e la sua Opel Ascona 400 pronto a cercare di interrompere l’egemonia del marchio di Stoccarda. Lo Presti ha 133 punti validi, 102 per Mannino, con Nerobutto dietro di un solo punto, facile quindi immaginare l’adrenalina che salirà alle stelle. Da seguire certamente il locale Massimo Giudicelli, con la VolksWagen Golf GTI, pronto a fare la differenza davanti al pubblico amico, ed anche il pisano Tommaso Fantei, con pari vettura, visto in forma durante l’estate al “Prato storico”. 

Nel Quarto raggruppamento tutti hanno nel mirino la Fiat Ritmo 130 Abarth del rodigino Matteo Luise, capoclassifica con 90 punti, 6 in più del secondo, il sardo Sergio Farris (Porsche 911 SC) mentre a 16 lunghezze vi è Ermanno Sordi (Porsche 911 SC RS). Saranno loro a movimentare certamente le operazioni “tricolori”, con anche in questo caso i driver locali che proveranno a mettere pepe alla competizione: come faranno di certo Alberto Anselmi, che ci prova con una Fir Uno Turbo ed anche Efisio Gamba, con la fida Peugeot 205 GTI.

Spettacolo assicurato, poi, per il Trofeo A112 Abarth che come consuetudine ogni tappa sarà un rally a se stante, quindi assicurando una messe di punti e soprattutto, chi avrà la sfortuna di gettare la spugna alla prima tappa, per la seconda potrà tornare in gara senza penalità. La classifica è corta, per questo trofeo, che è fermo dallo scorso giugno (Rally Lana Storico). A tre gare dal termine la classifica è cortissima e i giochi ampiamente aperti, con il leader Marcogino Dall’Avo che comanda la classifica con due soli punti sull’aretino Ivo Droandi mentre terzo è Maro Gentile a 2,5 punti dal leader. Dall’Avo al “Lana” si è fermato per problemi alla trasmissione, logico pensare ad una voglia di rivalsa per allungare sugli inseguitori, i quali certamente non staranno a guardare. 
 
Attese poi sfide appassionanti nella “Regolarità a media del celebre “Graffiti”, dove saranno all’opera molti dei top specialisti italiani.  L’itinerario della gara é diviso in settori, all’interno dei quali sono stati individuati dall’organizzatore dei tratti chiamati RT (Regularity Test) o ZR (Zone di regolarità) o PM (prove di media) in cui la velocità media deve essere rispettata in ogni singolo metro del percorso.
La classifica si forma attraverso controlli segreti sul percorso che assegnano penalità a chi si discosta dalla velocità imposta. Per rilevare il “discostamento” dalla media imposta vengono posizionati ad una distanza prestabilita dalla partenza, dei punti segreti di rilevamento cronometrico, manuale o elettronico, nei quali viene rilevato il tempo di transito di ciascun concorrente.

La parte della “regolarità sport” si correrà con vetture storiche in allestimento da corsa, i cui modelli hanno contribuito a creare la storia dei rally. Con la regolarità sport si vuole mantenere viva la memoria storica di vetture e gare, sia pure con un contenuto agonistico limitato esclusivamente alla tipologia della regolarità. In queste gare il rispetto dei tempi prestabiliti per percorrere i diversi settori in cui deve essere suddiviso il percorso (controlli orari) e determinati tratti dello stesso (prove cronometrate), costituisce il fattore determinante per la classifica. In particolare i tratti di percorso chiusi al traffico sono destinati all’effettuazione di prove cronometrate e di media.

LA LOGISTICA VARIATA
Il lavoro di Aci Livorno Sport, in questi giorni si è concentrato nella rimodulazione della logistica della competizione, in quanto luoghi ed orari erano previsti e regolati per un numero più basso di adesioni, per cui si è dovuto procedere, anche con dispiacere, a necessarie variazioni.

Cambia il luogo del Parco Assistenza, che sarà a Capoliveri, in Piazzale Australia (lungo la SP 31), dove all’origine erano previsti partenza ed arrivo, sfruttando anche gli spazi adiacenti. Ci si trasferisce, certamente con rammarico, da Rio nell’Elba, con la cui Amministrazione si era studiata una location ottimale, che appunto per la grande mole di iscritti avrebbe limitazioni.  Dispiace molto, in quanto proprio con il Comune era stato avviato un argomento importante che guardava oltre, rimanendo comunque nel suo territorio con il riordinamento del sabato sul lungomare di Rio Marina. Il forte interessamento della municipalità e degli appassionati locali, che permetteva di vivere il rallye assaporando la magia del territorio, sarà comunque un progetto da attuare per le prossime edizioni.

Cambiano dunque anche le location di Partenza ed Arrivo. Lo start sarà dato davanti al Palazzo Comunale di Capoliveri mentre l’arrivo è previsto in centro storico.

Una variazione di location sarà anche per le operazioni di verifica tecnica, che verranno spostate in Viale Italia a Capoliveri, luogo ampio e versatile, già utilizzato in passato.

Tutte le variazioni sul programma, sulla logistica e sugli orari saranno comunicate ai concorrenti mediante circolari informative pubblicate nell’albo di gara presente nel sito internet ufficiale dell’evento, www.rallyelbastorico.net .

UN PERCORSO DISEGNATO DALLA TRADIZIONE 
Un look rinnovato ma non troppo, quello che viene proposto ai concorrenti per l’edizione di quest’anno, che saprà nuovamente trasmettere sensazioni forti, una sfida appassionante, divertente e soprattutto tecnica.
Sono dieci, le prove speciali spalmate su tre giorni gara, con la prima tappa che interesserà principalmente la parte centro occidentale dell’isola mentre la seconda si avrà nella parte orientale. Rispetto al passato cambia la successione delle giornate di gara, ma la sostanza rimane la stessa. 
La distanza totale del rallye sarà di 326,860 chilometri, dei quali 135,250 di sfide con il cronometro.

IL PROGRAMMA DI GARA

Giovedì 22 settembre 2022 
09:00-11:00 Verifiche Sportive (c/o Hotel Elba international, Capoliveri)
09:00-16:00 : Verifiche tecniche e punzonatura pneumatici (Capoliveri, Viale Italia)
19:30 : Cerimoniale di partenza (Capoliveri, Via Claris Appiani)
21:10: Partenza (Capoliveri, Via Claris Appiani) 
21:20 : PS “Capoliveri” (Km 7,24)
22:05: Ingresso Riordinamento 1  (notturno)

Venerdì 23 settembre 2022 
08:40: Uscita Riordinamento 1 (notturno) - Capoliveri, parcheggio SP 31
10:30 : orario presunto partenza IX Historic Regularity Sport – XXXIV Elba Graffiti
17:05 : Arrivo prima tappa ingresso in parco chiuso  notturno (Capoliveri, parcheggio SP 31)

Sabato 24 settembre 2022 
09:15 : Partenza 2^ tappa 
16:40 : Arrivo finale – Premiazione (Capoliveri, Viale Australia c/o Municipio)


#RallyeElbaStorico2022 #TrofeoLocmanItaly #Locman #ElbaGraffiti #AciLivorno #AciLivornoSport #FIAHSRC #CIRAS  #autostoriche #rallystorici #rally #motorsport #elba #isoladelba #italy #mare #sea #elbaisland #toscana #island #sky #travel #tuscany #italia 

Aci Livorno Sport ASD
Via Verdi 32  - 57126 Livorno
tel. 0039 (0) 586 898435
fax 0039 (0)586 205937
acilivornosport@acilivorno.it

FACEBOOK  www.facebook.com/RallyeElba
INSTAGRAM www.instagram.com/rallyeelba
TIK TOK @rallyeelba



domenica 18 settembre 2022

1^ GREEN RACE VALLE DEL BISENZIO-DAY 2: LA CRONOSCALATA DI SCHIGNANO VA A NICOLA VENTURA (ABARTH 124)

La gara, dopo la sfida di regolarità “a media” del sabato, ha proseguito oggi con la cronoscalata di Vaiano-Schignano.

Notevole il coinvolgimento delle Amministrazioni comunali dei territori attraversati dalla gara, con Prato e Vaiano in prima battuta, avendo ospitato il “village” delle due giornate di gara, dei concessionari auto dell’area pratese oltre che dei main partner ESTRA e GRUPPO COLLE.

Vaiano (Prato), 18 settembre 2022 – Seconda giornata per la 1^ Green Race Valle del Bisenzio, inserita già al primo anno nel calendario “tricolore”, in quanto fa parte del Trofeo Nazionale per vetture ad Energia Alternativa.

L’evento motoristico “verde” che ha riportato in Toscana le competizioni che guardano alla sostenibilità ambientale, è stato un doppio impegno, con il sabato riservato per la competizione di regolarità a media, vinta da Andrea Cajani e Valentina Pitacco, su una Opel Corsa, mentre la giornata odierna è stata la volta della cronoscalata Vaiano-Schignano, tre chilometri adrenalinici, che hanno esaltato, divertito i concorrenti, peraltro confortati da una bellissima giornata di sole deciso e temperatura piacevole.

Cinque le manche effettuate, con la vittoria andata a Nicola Ventura(177 punti), con una Abarth 124  bi-fuel, davanti al vincitore del sabato, Andrea Cajani e la sua Opel Corsa (147) e terzo Roberto Toccafondi (108), con la Hyundai Kona, entrambe vetture completamente elettriche.


Tra i costruttori, primo classificato è lo “scorpione” Abarth, seconda Opel e terza Hyundai, mentre tra le scuderie il successo è andato alla Eco Motori Racing Team, quella di Nicola Ventura.

L’evento, promosso dall’Automobile Club Prato, con il convinto sostegno del Comune di Prato e quelli della Val di Bisenzio e con il considerevole supporto di ESTRA E DI GRUPPO COLLE, è caduto proprio nell’avvio della settimana europea della mobilità sostenibile, ha portato a Prato ed in vallata venti auto di marchi automobilistici tra i più attivi ed apprezzati nel settore della mobilità “green”: Cupra, Fiat, Hyundai, Honda, Jaguar, Opel, Toyota.

L’evento, nella sua interezza, ha conosciuto un forte interesse e grande stimolo dalle Amministrazioni dei territori toccati (anche nell’area pistoiese), con Prato e Vaiano in prima battuta, avendo ospitato il “village” delle due giornate di gara. Tutti hanno riconosciuto la forte valenza dello sport nel proporre nuove soluzioni per la mobilità quotidiana del futuro.

NELLA FOTO NICOLA VENTURA ALLA PREMIAZIONE INSIEME AL FIDUCIARIO ACI SPORT DI PRATO, MANUELA CANONICA (FOTO IMAGO)

#greenracevalledelbisenzio2022 #AciPrato #Prato #greenendurance #ValledelBisenzio #energiealternative #energierinnovabili #energysaving 


sabato 17 settembre 2022

1^ GREEN RACE VALLE DEL BISENZIO: LA COMPETIZIONE “VERDE” E “TRICOLORE” E’ ANDATA A CAJANI-PITACCO (OPEL CORSA)

La gara, di regolarità “a media”, corsa su un tracciato di 184 chilometri dal forte impatto emozionale è partita con la pioggia ma arrivata con il sole.

In totale sono stati 20, i concorrenti che hanno preso il via, andando oltre le più rosee previsioni e decretando quindi  un successo organizzativo.

Domani di nuovo sfide: la cronoscalata a Vaiano, su cinque passaggi, sempre con l’occhio alla media.

Notevole il coinvolgimento dei concessionari auto dell’area pratese e dei main partner ESTRA e GRUPPO COLLE.


Prato, 17 settembre 2022 – Sono Andrea Cajani e Valentina Pitacco, su una Opel Corsa (6869 penalità) i primi a mettere la propria firma sull’albo d’oro della 1^ Green Race Valle del Bisenzio, l’evento “verde” che ha riportato in Toscana le competizioni che guardano alla sostenibilità ambientale, competizione di regolarità a media riservata esclusivamente alle vetture ad alimentazione elettrica ed ibrida, inserita già al primo anno nel calendario “tricolore”, in quanto fa parte del Trofeo Nazionale per vetture ad Energia Alternativa. L’evento, che cade proprio nell’avvio della settimana europea della mobilità sostenibile, ha portato a Prato ed in vallata venti auto di marchi automobilistici tra i più attivi ed apprezzati nel settore della mobilità “green”: Cupra, Fiat, Hyundai, Honda, Jaguar, Opel, Toyota.

Promossa dall’Automobile Club Prato, con il convinto sostegno del Comune di Prato e quelli della Val di Bisenzio e con il considerevole supporto di ESTRA E DI GRUPPO COLLE ha dato il valore aggiunto al celebre “Settembre Pratese”.

E’ stata una giornata divertente, pur con l’avvio avvenuto sotto la pioggia, con i molti che hanno partecipato  direttamente coinvolti dai diversi concessionari auto dell’Area pratese, per i quali la manifestazione è stata occasione di marketing, facendo conoscere i modelli ibridi ed elettrici delle Case che rappresentano.  

Quasi tutti i partecipanti erano alla loro prima esperienza con cronometri e road book, correndo con forte impegno e nel pieno spirito dell’iniziativa.

Questa prima giornata ha visto i concorrenti toccare gli abitati di Montemurlo, Tobbiana, Lentula, Vernio, Cavarzano, Vaiano, dopo aver attraversato le loro splendide valli, con la volontà di legare il passato, la cultura le tradizioni ad un futuro che non rinneghi la storia, ma che ne esalti, invece, i ricordi guardando all’orizzonte.

Rientrati a Prato, per la sosta “tecnica” in Piazza Mercatale dopo l’ora di pranzo, la gara ha poi ripreso il suo programma dirigendosi a sud, per riscoprire la sua storia “medievale ed etrusca”, attraversando i Comuni di Quarrata, Vinci, Verghereto, Carmignano, Poggio a Caiano. L’arrivo ha riportato i concorrenti in Piazza Mercatale a Prato dove ha avuto luogo, la cerimonia di premiazione, confortata dal cielo sereno, arrivato a gratificare i concorrenti e gli organizzatori, con la presenza del sindaco della città laniera, l’avvocato Matteo Biffoni, e di altre autorità cittadine.

Al secondo posto si sono classificati Massimiliano Massari e Massimo Galletta, su un’affascinante Jaguar E-Pace (13897 penalità), mentre al terzo posto Roberto e Alessia Toccafondi hanno totalizzato 14048 penalità, con la loro Hyundai Kona.

Domani, domenica 18 settembre, sarà invece Vaiano ad attendere i concorrenti per dar vita alla seconda frazione di gara.  Ospiti del Comune, si sfideranno lungo i 3 km della storica gara in salita della “Vaiano-Schignano”, percorrendo le cinque manche previste, nel rispetto dei tempi imposti e dei consumi vettura. La premiazione avrà luogo nell’esclusivo contesto di Villa del Mulinaccio, sicuramente accolti dall’entusiasmo e la solidarietà dell’intera vallata.

NELLA FOTO I VINCITORI DELLA COMPETIZIONE, PREMIATI DAL SINDACO (FOTO IMAGO)

#greenracevalledelbisenzio2022  #AciPrato #Prato #greenendurance #ValledelBisenzio #energiealternative #energierinnovabili #energysaving 




giovedì 15 settembre 2022

LA 1^ GREEN RACE VALLE DEL BISENZIO PRONTA ALLO START


SUCCESSO DI ADESIONI PER 

LA COMPETIZIONE “VERDE” E “TRICOLORE”

Il tanto interesse intorno alla competizione, che riporta in Toscana l’automobilismo sportivo “green”, si è tradotto in 14 iscrizioni, un record nazionale per questo genere di eventi.

La gara, che cade proprio nella” settimana europea della mobilità sostenibile”,  sarà di regolarità “a media” su percorsi dal forte impatto emozionale e comprende, alla domenica, una cronoscalata.

Notevole il coinvolgimento dei concessionari auto dell’area pratese e dei main partner ESTRA e GRUPPO COLLE.

 

Prato, 15 settembre 2022 – Sabato e domenica prossimi via alle sfide della 1^ Green Race Valle del Bisenzio, l’evento “verde” che riporta in Toscana le competizioni che guardano alla sostenibilità ambientale,  che sarà anche “tricolore”, in quanto fa parte del Trofeo Nazionale per vetture ad Energia Alternativa.

Sarà una gara di regolarità a media riservata esclusivamente alle vetture ad alimentazione elettrica, ibrida o endotermica, l’evento promosso dall’Automobile Club Prato, con il convinto sostegno del Comune di Prato e quelli della Val di Bisenzio. E’ inserito nel contesto del celebre “Settembre Pratese” che, tra rievocazioni storiche e festival, trasforma anche quest’ anno la città di Prato in un vero e proprio fulcro di eventi disparati, e proprio la “Green Race” sarà la grande novità. Una novità che conosce il convinto supporto di ESTRA E DI GRUPPO COLLE oltre ad un forte coinvolgimento di molti concessionari auto dell’Area pratese, per i quali la manifestazione è occasione di marketing, facendo conoscere i modelli ibridi ed elettrici delle Case che rappresentano.

La presentazione dell’evento, alla stampa ed alle Autorità, ha avuto luogo martedì scorso, sono state illustrate le linee e gli intendimenti dell’organizzazione, oltre ad annunciare la notevole risposta da parte dei partecipanti, arrivati alla considerevole cifra di 14 iscritti, vale a dire un risultato che figura come tra i migliori in Italia per questo genere di manifestazioni, ancora non molto diffuse.

L’evento, che cade proprio nell’avvio della settimana europea della mobilità sostenibile, porterà a Prato ed in vallata quattordici auto di marchi automobilistici tra i più attivi ed apprezzati nel settore della mobilità “green”: Cupra, Fiat, Hyundai, Honda, Jaguar, Opel, Toyota.

Sarà un fine settimana dunque di alto profilo e di forte interesse socio-economico, dedicato alla mobilità sostenibile e allo sport insieme, dove non vince chi va più veloce, ma chi rispetta le regole del codice della strada, limiti di velocità compresi. "Ci siamo posti un doppio obiettivoha detto il presidente di Aci Prato Federico Mazzoni- da una parte la promozione dello sport, dall'altra quella del rispetto dell'ambiente e delle regole che devono essere adottate dai nuovi mezzi. Troppo spesso vengono recepite in ritardo o in modo difficoltoso”.

"La gara - ha sottolineato l'assessore alla mobilità del Comune di Prato Flora Leoni - si corre proprio nella settimana della mobilità sostenibile a cui l'amministrazione partecipa con una serie di eventi. Il recepimento delle norme e l'utilizzo in modo corretto dei nuovi mezzi è una priorità per il Comune, siamo lieti di sostenere questa iniziativa che guarda ad una nuova mobilità promuovendola mediante lo sport”. 

"E una gara che rientra nel campionato italiano  - ha spiegato Max Sghedoni, ex copilota professionista di rally e anima dell’organizzazione- abbiamo 14 equipaggi ed è un numero importante visto la novità della tipologia di gara. Credo dunque che abbiamo tracciato una strada che non potrà che essere sempre migliorata. Sabato il percorso si snoda lungo le strade comunali e provinciali, non è prevista la chiusura al traffico, il giorno successivo a Vaiano, invece, la strada sarà chiusa".

SCENARI MOZZAFIATO PER LA PRIMA GIORNATA, UNA “SALITA”, PER LA SECONDA.

La Green Race Valle del Bisenzio è anche l'occasione per promuovere il territorio, visto che il percorso si snoda attraverso ben venti Comuni che coinvolgono anche la provincia di Pistoia. II via sarà sabato 17 settembre da P.zza Mercatale in Prato e sono in programma 184 chilometri da percorrere, a strada aperta al traffico, tra gli splendidi scenari toscani, divisi in due settori che vedranno i concorrenti “salutare” gli abitati di Montemurlo, Tobbiana, Lentula, Vernio, Cavarzano, Vaiano, dopo aver attraversato le loro splendide valli, con la volontà da parte degli Organizzatori e delle Case automobilistiche coinvolte, di ribadire la volontà di legare il passato, la cultura le tradizioni ad un futuro che non rinneghi la storia, ma che ne esalti, invece, la logica e la continuità in  un progresso tecnologico intelligente e costruttivo.

Rientrati a Prato, dopo una breve sosta “tecnica” in Piazza Mercatale, la gara riprenderà il suo percorso dirigendosi a sud, per riscoprire la sua storia “medievale ed etrusca”, attraversando i Comuni di Quarrata, Vinci, Verghereto, Carmignano, Poggio a Caiano. L’arrivo finale riporterà i Concorrenti in Piazza Mercatale dove avrà luogo, la cerimonia di premiazione.

Domenica 18 settembre sarà invece Vaiano ad attendere i concorrenti per dar vita alla seconda frazione di gara.  Ospiti del Comune, si sfideranno lungo i 3 km della storica gara in salita della “Vaiano-Schignano”, percorrendo le cinque manche previste, nel rispetto dei tempi imposti e dei consumi vettura. La premiazione, dopo l’esposizione delle classifiche, avrà luogo nell’esclusivo contesto di Villa del Mulinaccio, accolti, come sempre dall’entusiasmo e la solidarietà dell’intera vallata.

IL PROGRAMMA

SABATO 17 SETTEMBRE 2022

VERIFICHE SPORTIVE/ DISTRIBUZIONE MATERIALI E ROAD BOOK ore 08:30/09:30

alla Direzione Gara - Piazza Mercatale, Prato.

 

VERIFICHE TECNICHE ANTE GARA ore 09:30/10:30 Piazza Mercatale, Prato.

 

BRIEFING CON DIRETTORE GARA cartaceo distribuito durante le verifiche sportive

 

PARTENZA PRIMA VETTURA ore 10:30 Piazza Mercatale, Prato.

 

INGRESSO PRIMA VETTURA IN RIORDINO ore 13:09 Piazza Mercatale, Prato.

 

USCITA PRIMA VETTURA DAL RIORDINO ore  14:09 Piazza Mercatale, Prato.

 

ARRIVO PRIMA VETTURA ore  16:40 Piazza Mercatale, Prato.

 

ESPOSIZIONE CLASSIFICA FINALE ore 17:30  - Direzione Gara - Piazza Mercatale, Prato.

 

PREMIAZIONI ore 18:00 Piazza Mercatale, Prato.

 

DOMENICA 18 SETTEMBRE 2022

Salita Vaiano dalle ore 11:00 alle ore 16:00.

 

Tutte le informazioni sull’evento presenti qui: https://www.rallylink.it/cms20/index.php/greenrace-challenge

 

#greenracevalledelbisenzio2022  #AciPrato #Prato #greenendurance #ValledelBisenzio #energiealternative #energierinnovabili #energysaving